Nella primavera del 2022, a Saleilles, vicino a Perpignan, è stato aperto un piccolo club con due piste semicoperte poco orientate e una club house virtuale. Dovevi essere dannatamente ottimista per crederci.

Deux ans plus tard, Può Padel si è affermato come un attore chiave nell'ambiente ipercompetitivo di padel Catalano.

Richard VENDRELL, il suo emblematico Presidente e Amministratore Delegato, ci spiega come e perché.

Genesi

"Può Padel, è un po' il prolungamento di un percorso associativo che cominciava a stagnare.

Presidente del Tennis Padel Club Saleillenc tra il 2012 e il 2020, ho allestito una prima pista comunale nel 2016, seguita da una seconda nel 2018. L’entusiasmo è stato tale che il numero dei licenziatari in questo periodo è triplicato. Dopo otto anni di investimento volontario, ho voluto prendere il treno privato e lanciarmi nell'avventura di creare un complesso sportivo.

Tra il 2020 e il 2021, nonostante il successo di padel a Saleilles e più in generale nei Pirenei Orientali non si è ancora verificata l'esplosione numerica dei praticanti che stiamo vivendo attualmente.

In termini di budget, il progetto è stato una scommessa e non potrò mai ringraziare abbastanza il mio banchiere, Vincent, per averci creduto tanto quanto me.

Cosa è scattato dopo i primi mesi complicati? L’apertura della club house nell’ottobre 2022, abbinata al collegamento dello spillatore della birra alla presa elettrica.”

lo stato patrimoniale

“Dal 1° giugno 2024 il can Padel elenca quasi 200 licenziatari FFT e quasi 3000 persone hanno scaricato l'applicazione Can Padel (Gestione sportiva).

Ogni fine settimana, i tornei ufficiali sono pieni. Pacchetti di mezza giornata, giornata intera o serale, da P25 a P500, poi moltiplicati in tutto il dipartimento, con grande piacere dei concorrenti.

Tornei con quote d'iscrizione misurate, dai 15 ai 22 euro, che riscuotono molto successo, anche perché rispettano il regolamento e i giocatori.

Dall'inizio della stagione, sono stati organizzati più di 80 tornei sotto la direzione di Viridiana Popovitch (JAP1) e Christophe Botella (JAP2), due degli arbitri più rigorosi e competenti dei Pirenei Orientali.

JAP che sanno anche adattarsi alle richieste di aziende, associazioni o comunità di organizzare tornei di Americano per il tempo libero scanditi da tapas o degustazioni di pizza.

Se a questo tavolo aggiungiamo la presenza di Stéphane Cuny e Thomas Vendrell dietro al bancone, le manine Enca e Marie per il restauro e la manutenzione, e quelle di Alexandre Vendrell (già 1300°, miglior ranking del club) e Étienne Régnier come docente indipendente di riferimento della qualità (ex-top 100), possiamo dire che il Can Padel sapeva come massimizzare il suo pieno potenziale.

L'avenir

“Nel medio termine, il Can Padel sarà forse ampliato con la costruzione di almeno due piste supplementari nel quartiere residenziale di Saleilles, nel Sud Rossiglione.

Un sito di lattine Padel 2 che, spero, dovrebbe vedere la luce nel 2025, con un'identica filosofia: un club familiare, vicino ai suoi giocatori, che unisce la pratica del tempo libero (birre) e la competizione (punti).

Sono in preparazione anche altri progetti e sorprese. Diremo qualcosa in più durante il secondo semestre, ma sappiate che contiamo su di voi!”

Può Padel 2 impasse du Conflent 66280 Saleilles

Tieni traccia delle prenotazioni, delle informazioni e delle iscrizioni ai tornei direttamente su l'app Can Padel, disponibile su App Store e Play Store.

Team Padel Mag

il team Padel Magazine cerca di offrirti dal 2013 il meglio di padel, ma anche sondaggi, analisi per cercare di capire il mondo padel. Dal gioco alla politica del nostro sport, Padel Magazine è al tuo servizio.