Alla fine del 2021 abbiamo avuto la possibilità di trascorrere diversi giorni in un locale padel non come gli altri: L'hangar, situata ad Alcobendas, a nord di Madrid, è infatti il ​​cuore della Kuikma, il luogo dove tutto ciaspole e prodotti del marchio Decathlon dedicato a padel. Su invito di Frederic Oudeville, il capo padel di Décathlon, abbiamo potuto incontrare gli ingegneri e i designer che giorno dopo giorno plasmano il marchio più venduto al mondo, in quasi 100 paesi. Abbiamo anche intervistato l'allenatore argentino Horacio Álvarez Clementi, ex numero 1 del mondo, che ha contribuito notevolmente allo sviluppo delle racchette Kuikma.

Ecco la prima parte di questo report, dove Fred Oudeville ripercorre il suo percorso personale in Decathlon, nonché la genesi madrilena del marchio Kuikma e il suo sviluppo mondiale.

Fred Oudeville: 45 anni con una racchetta in mano

Un po' come Obélix, Frédéric Oudeville è caduto fin da piccolo nel piatto: quello del tennis, che ha iniziato a 4 anni, poi quello di padel, per un po 'di anni. “Il tennis è stato presente nella mia vita fin dalla mia infanzia. Mio padre, che è alsaziano, viveva vicino all'Ill TC, a Strasburgo, dove mi sono formato. Oggi è presidente di TC Riedisheim, vicino a Mulhouse, ed è ancora altrettanto appassionato. Mia madre, nel frattempo, si è risposata con Jean-Claude Massias, che è stato per nove anni Direttore tecnico nazionale della FFT. Quindi, sono stato immerso nel tennis sin da quando ero piccolo. Ho accompagnato mio suocero ai tornei. Le vacanze di Pasqua erano i tornei di Nizza e poi di Monte-Carlo… Il mercoledì ei fine settimana andavo al Roland-Garros, i miei amici erano il figlio del guardiano e quello del giardiniere. Ci sono andato la mattina, sono partito la sera; conoscevamo tutti i passaggi sotterranei. "

Frédéric Oudeville, product manager padel al Decathlon.

Tennis, una scuola di vita

“Per me il tennis è stato una scuola, è servito da equilibrio per tutta la vita. Quando sei un adolescente, ti dà fiducia e poi, ti equilibra quando sei uno studente, ti permette di decomprimere e soprattutto di avere un gruppo di amici. Tutti i miei amici oggi sono amici di tennis. Mi è stato utile anche per il mio lavoro: quando mi sono iscritto a Decathlon, nel 1997, ero classificato 0. Sono stato prima assistente store manager, poi sono stato assunto ad Artengo perche' avevo giocato a tennis. Ero anche un product manager per il tennis. E oggi è perché ho fatto sport di racchetta che mi occupo padel. Conosco la storia dei diversi sport di racchetta, i marchi di punta di tennis, squash, badminton, padel... "

1996: Decathlon apre al padel

"I primi passi di Decathlon nel campo del padel risalgono alla metà degli anni 1990. All'epoca era una richiesta del mercato spagnolo. Le prime ciaspole di padel progettati da Decathlon sono stati progettati nel 1996. Il nostro know-how e la nostra esperienza in questo campo sono quindi vecchi. "

“Personalmente ho scoperto il padel nel 2002. Avevo un amico che presiedeva la Federazione francese di padel intorno al 1994 o 1995. Quindi conoscevo questo sport, che ho sempre adorato. Ma a quel tempo, a Lille, non potevamo giocare, per mancanza di terreno. A quel tempo, e per molto tempo, il mercato spagnolo ha rappresentato il 90% delle vendite di prodotti padel di Decathlon. Oggi le nostre vendite sono aumentate ulteriormente in Spagna, ma ora rappresentano solo il 50% del totale. E per una buona ragione, il mercato è esploso altrove in Europa e nel mondo. "

Dopo il 2016: l'esplosione di padel

“Nel 2016, Decathlon ha stimato che in termini di padel, eravamo troppo generalisti e troppo orientati ai principianti. Abbiamo quindi deciso di dividere gli sport di racchetta per avere strutture più leggere e agili per ogni sport. Artengo fu quindi "tagliato": il padel diventa indipendente, con un proprio marchio, Kuikma. Personalmente, sono stato scelto per essere un product manager e "leader padel ". Quando mi è stato chiesto, nel 2016, dove ho visto l'insediamento del marchio, ho risposto che poteva essere solo a Madrid. Era la prima volta, all'interno di Decathlon, che uno sport lasciava la Francia. In tanti mi hanno detto che era una follia stare da soli in mezzo alla pampa, fare questa scommessa per staccare la parte progettuale, gli ingegneri e i designer, dal centro stile Decathlon. Quattro anni dopo, questa scommessa è vinta: nel 2021, su 80 sport, il padel è uno dei tre che ha fatto più progressi in Decathlon! ".

Kuikma PR990 Hybrid Soft Playful Pink

Spagna, un mercato pienamente maturo

“Nel 2016, oltre il 90% dei nostri clienti si trovava in Spagna. C'erano già tutti i tipi di giocatori lì. Non è come in Francia, dove il giocatore tipico padel è un uomo di tennis, che ha tra i 40 ei 50 anni. qui il padel è uno sport d'ingresso per altri sport di racchetta. In un club di padel Spagnoli, pochissimi giocatori hanno giocato o giocano a tennis. Il mercato in Spagna è quindi maturo ed è tale che pensiamo che altri mercati, come la Francia, saranno tra dieci anni. "

El Hangar Club di Madrid, sede del Kuikma Design Center. Foto J. Arnoux

Francia da padel in 2030

"Fra dieci anni, in Francia, ci saranno scuole di padel per i giovani, più donne, giocatori in carrozzina e un livello che aumenterà notevolmente… Il padel oggi è vista come un'opportunità dalla FFT e non più come una minaccia. Il coinvolgimento della Federazione francese di tennis, che ha una forte esperienza nell'insegnamento, promuoverà questo sviluppo. confido in Arnaud di Pasquale per andare nel modo giusto. Presidente Gilles Moreton ci crede anche. È un'occasione per padel. "

Socievolezza e cordialità, i punti di forza di padel

"Se lo sviluppo di padel è ben condotto in Francia, è una favolosa opportunità per dare vita ai club, portando nuovi giocatori, un'atmosfera, un aspetto sociale e amichevole. Era la forza del tennis, ma ora è quasi sparita. Se ogni club ha solo uno o due campi di padel, riprodurremo gli stessi errori del tennis. Una delle chiavi sarà arrivare a fare pali importanti per evitare di rompere la pratica. Cosa fa la forza di padel, questo è il lato sociale. Avere un bar o un punto di ristoro in un club è fondamentale per lo sviluppo di questo sport. Questo è il caso ovunque in Spagna. "

Italia, Belgio, Svezia: al via il boom 

“In Decathlon crediamo nella Francia e ci scommettiamo. Ci sono paesi come Italia, la Belgio con scamosciato dove il boom di padel è più avanzato, ma il Francia dovrebbe seguire lo stesso percorso. Poi ci sono i colossi del futuro che sono la Germania e la Gran Bretagna, e i colossi giganti come gli Stati Uniti e la Cina. "

CONTINUA
I nostri prossimi articoli ti porteranno dietro le quinte del “Kuikma test lab”, dove lavorano gli ingegneri, i designer e gli specialisti di merchandising del marchio. E, ciliegina sulla torta, stiamo preparando un'intervista esclusiva con Horacio Álvarez Clementi, che ha consigliato il marchio sullo sviluppo delle sue racchette.
Jérome Arnoux Giornalista

Dopo 40 anni di tennis, Jérôme cade nel piatto del padel nel 2018. Da allora ci pensa tutte le mattine mentre si rade… ma non si rade mai il pala in mano! Giornalista in Alsazia, non ha altra ambizione che condividere la sua passione con te, che tu parli francese, italiano, spagnolo o inglese.