Robin Haziza, membro della squadra di padel francese, ripensa alla sua avventura sul World Padel Tour. Il campione francese di padel nel 2015 e 2016 e co-fondatore di Real Padel Il club di Sophia Antipolis vuole vivere appieno la sua passione e spingere indietro le porte del padel francese. Colloquio.

Un francese in Spagna, sul circuito professionale. Perché?

Sono il numero uno francese. E volevo conoscere il gusto del circuito professionale. E per questo, nessuna scelta, devi tentare la fortuna in Spagna, la Mecca del padel professionale.

Le World Padel Tour è il circuito di paddle professionale di riferimento. E se voglio vedere cosa posso fare lì, devo venire lì.

Ora dovremo lavorare e dimostrare ... e chi lo sa?

Cambiamento di vita, possiamo dire che sei un emissario del padel francese in Spagna?

Sono il primo francese ad andare a Barcellona per provare un'avventura sul circuito di paddle professionale. Ovviamente all'inizio non sarà ovvio. È un sacrificio. Ma la passione ti motiva. L'obiettivo è cercare di trovare un posto in questo ambiente di lingua spagnola. E non sarà ovvio. Ci sono ancora pochissimi stranieri sul World Padel Tour.

E penso che non ci rendiamo necessariamente conto in Francia dell'enorme livello che c'è in Spagna. Nei ragazzi, la strada sarà lunga.

Sono fortunato ad essere ben circondato. Con me, uno dei migliori allenatori del mondo, Juan Alday. Metto tutte le possibilità dalla mia parte in modo che accada il meglio possibile.

Parli ragazzi ... Nelle donne, non c'è un'opportunità da cogliere?

Certo, anche le ragazze sono complicate. Ma ci sono molti meno giocatori sul circuito professionale. La concorrenza è meno dura. Forse c'è qualcosa da fare. Vediamo alcuni giocatori con un piccolo padel dietro di loro esibirsi rapidamente al WPT. Negli uomini, prima di entrare nel sorteggio principale, ci vuole tempo.

Marta Marrero: "Mi ci è voluto un anno di paddle per 1 per unirmi al circuito pro"

Il primo prima di altri giocatori francesi, sarebbe logico no?

Penso che alcuni vedranno prima come va in Spagna. A Barcellona, ​​non c'è nulla di cui lamentarsi. E poi è per giocare a padel. Quindi penso che sarà una grande esperienza.

Ma in effetti, il padel è in pieno sviluppo in Francia. Mi sento molto, non c'è motivo per cui io sia l'unico francese da molto tempo.

Inoltre, come scrivi così bene, il padel non si sviluppa in Francia e questa è forse la buona notizia, specialmente per il circuito professionale. Potrebbero esserci altri stranieri sul circuito professionale nei prossimi anni.

Franck Binisti

Franck Binisti scopre il padel al Pyramid Club di 2009 nella regione di Parigi. Da allora il padel fa parte della sua vita. Lo vedi spesso in tournée in Francia andando a coprire i grandi eventi di paddle francesi.