Jeremy Scatena, il numero 1 francese inAPT Padel Il tour è tornato.

Firma una rimonta molto convincente con questa grande vittoria con il compagno argentino, Facundo Domingueza l'APT Future 500 a Fuengirola.

Ricorda che è il primo francese a vincere una competizione APT, e quello è magari in procinto di vincerne uno nuovo!

Durante un colloquio per Padel Magazine, Jeremy si apre sui suoi momenti difficili, sulla sua stagione e sul suo futuro.

“Sono nelle mie emozioni e nella mia spontaneità”

FB: Tre vittorie consecutive, che rimotiva dopo un periodo complicato?

JS:  Oh si ! Ho deciso di rifare i tornei francesi perché per me è importante competere con tutto ciò che ciò implica: trovare i miei partner, i miei sostenitori, mettere alla prova il mio fisico, la mia mente, divertirmi a giocare ancora, vincere.

Lato APT, il future 500 è stato per me un torneo ricco di emozioni; Era tanto tempo che non riuscivo a sentirmi così bene mentalmente.

FB: Dopo il video dell'APT in cui ti vediamo ringraziare i tuoi sostenitori, abbiamo visto alcuni messaggi che menzionavano che avresti dovuto ringraziare il tuo partner e salutare prima i tuoi avversari ...

JS: Sono un giocatore che vive al meglio il suo sport; è una parte enorme della mia vita. Quando vinco io sono come un adolescente che bacia la ragazza più carina del college! Il mio cuore batte forte, sono nelle mie emozioni e nella mia spontaneità, non ho il controllo. La mia emozione è il mio motore di performance.

Ero così felice di aver vinto, di condividerlo con i nostri sostenitori che erano presenti - con le attuali condizioni sanitarie, avere un pubblico è un lusso! - che in effetti mi sono precipitato verso di loro ma ho subito girato l'angolo verso Facundo ei nostri avversari.

"Paquito non voleva giocare questa partita"

FB: Torneremo inevitabilmente su un momento che ti ha toccato, è stato questo incidente durante gli Europei con Paquito Navarro in semifinale.

JS: È stato un momento molto complicato per me, mi sono sentito tradito perché non mi è stata data la possibilità di spiegarmi.

La mia visione dei fatti è che Paquito Navarro non voleva giocare a questo gioco; ha provato a negoziare per 25 minuti per non mettere in discussione il gioco.

Entrò nel campo; ha subito messo un'atmosfera tesa.

Quando, dal primo punto, dopo un lungo scambio, ho lanciato un “vamos!”, la tensione è salita di un livello.

Poi sul secondo punto, quando Paquito stava per servire, il mio compagno JT Peyrou era tornato, quindi gli ho chiesto di aspettare e non sono andato sulla palla - ancora una tacca nella tensione ambientale.

Poi, dal secondo gioco in poi, quando stavo facendo i window return, ha fatto commenti inappropriati sul mio gioco, poi insulti che ti risparmierò.

La partita stava andando abbastanza bene dalla nostra parte; Penso che pensassero che sarebbe durata e non gli andava bene. In breve, non sono nella loro testa, ma hanno deciso di arrendersi.

Scatena-Dominguez CAMPIONI APT

"La FIP dovrebbe essere garante della libertà dei giocatori"

FB: Sei uno dei primi giocatori francesi e persino internazionali ad aderire all'APT. Non è stato sempre facile. Anche tu sei rimasto deluso nel vedere la reazione del World Padel Tour...

JS: Diciamo che ho fatto le mie scelte. All'interno dell'APT trovo valori che mi stanno a cuore come correttezza e passione per padel. C'è una filosofia che intende valorizzare i giocatori e la sportività. Fabrice Pastor e Thomas Johansson sono dipendenti da padel e mi piace quando la passione è al centro del progetto.

Esci dalla classifica di World Padel Tour, non è piacevole. Ogni punto e ogni posto li avevo vinti sul campo. Ho investito molto. Ed è anche molto costoso. Unilateralmente, senza alcuna discussione, questo circuito mi ha quindi tolto dalla lista dei giocatori del WPT con tutti i punti che vi sono collegati.

Sapevo che nel prendere la decisione di lasciare il WPT per un altro circuito, ci sarebbero state delle penalità e che la mia scelta sarebbe stata criticata. Il WPT è arrivato al punto di negarmi l'accesso a un torneo che si stava svolgendo vicino a casa mia. Altri giocatori sono in questa situazione. Il loro comportamento è deludente.

Presumo - per me ciò che conta è che mi sento come se appartenessi.

FB: Inoltre, più in generale, gli attuali giocatori del WPT hanno rifiutato la loro prima offerta. Un altro circuito pro lanciato da Lisandro Borges potrebbe vedere la luce. Qual è la tua opinione su tutto questo?

JS: Penso che più apriamo i nostri circuiti padel, più la nostra disciplina sarà conosciuta e riconosciuta. Ciò che conta è creare un circolo virtuoso attorno a questo sport per estenderlo a livello internazionale. I giocatori dovrebbero essere liberi di giocare i tornei che desiderano.

Inoltre, penso che Federazione internazionale di Padel dovrebbe essere il garante della libertà dei giocatori. È contraddittorio voler democratizzare uno sport sostenendo solo un circuito professionistico, soprattutto quando si conoscono le pressioni che il WPT può esercitare su determinati giocatori.

Potrebbe piacerti o meno l'APT Padel Torre. Ma quello che è certo è che il circuito ha permesso in un solo anno di far crescere l'interesse dei giocatori, più del WPT degli ultimi 5 anni.

Una nuova associazione con Santiago Frugoni

FB: FFT Padel Tour Pyramides P2000, APT Padel Tour, i campionati francesi di padel ? Con chi giocherai?

JS: Per quanto riguarda il P2000 delle Piramidi, lo giocherò con il mio nuovo compagno, Santiago Frugoni, che è 21° nell'APT e con cui giocherò gli ultimi 6-7 tornei dell'anno.

Per quanto riguarda i campionati francesi, potrei farli con Nalle Grinda. Perché Robin Haziza ha perso l'evento. Ma la palla è soprattutto nel campo degli organizzatori. Speriamo di ottenere questo jolly. Altrimenti non li farò purtroppo.

FB: Concludiamo con il gioco e la competizione: vedete il cielo schiarirsi? Qual è il tuo programma?

JS: Sì, vedo il cielo schiarirsi. Sono in una nuova dinamica.

I tre tornei che ho appena vinto mi permettono di riprendere confidenza.

Lavoro sul mio fisico e sulla mia mente per essere al top di quello che posso dare in campo che sia per il mio partner, il mio pubblico, i miei sponsor, tutti coloro che mi supportano.

Quindi ora “vamos”: ci diamo il 200% per essere al top e andare il più lontano possibile.

Fan di padel e di origine spagnola, il padel scorre nelle mie vene. Molto felice di condividere con voi la mia passione attraverso il riferimento mondiale di padel : Padel Magazine.