Julien Seurin e Adrien Maigret guardare indietro alla loro sconfitta nel primo turno della P2 a Bordeaux contro Victor Mena e Francisco Ramirez (6/2, 6/4)

Preparazione non ottimale

Adrien : “Sono appena uscito da due settimane in cui mi sono infortunato. Avevo molto mal di schiena quando sono arrivato al campo, poi mi sono infortunato alla natica sinistra e due settimane fa, prima di partire per Amburgo, mi sono infortunato al polpaccio destro. Non ho fatto Amburgo e non ero sicuro di questo torneo di Bordeaux, ma ho cercato di stare più attento possibile e solo ieri ho potuto giocare di nuovo durante l'allenamento sulle piste laterali.

Ho iniziato la partita con poca fiducia, ci ho messo un po' ad arrivare. Dopo è andata un po' meglio nella ripresa, abbiamo avuto delle occasioni, ma contro giocatori così, che sono abituati a giocare a quel livello su quelle piste... Non si fanno prendere dal panico quando hanno palle break, hanno anche parato il palle bene, abbiamo commesso qualche piccolo errore. Potevamo tenere almeno il secondo, forse meritavamo di sfondare, di provare a tenere, di andare al tie-break, ma oggi loro sono più forti di noi, non c'è niente da dire.

Seurin Maigret Bordeaux

Personalmente ho bisogno di rimettermi un po’ in forma fisica. Non nascondo che ho saputo non molto tempo fa che sarei diventato padre, quindi forse c'è stata una reazione negativa anche a questo. Ma ehi, sono già felice di essere su questa pista. Grazie ancora a tutta l'organizzazione Betclic Premier Padel P2, a Jean-Thomas Peyrou e Benjamin Tison che mi hanno dato la wildcard.

Abbiamo cercato comunque di divertirci, anche se non ero al 100%, ma oggi ho cercato di dare comunque tutto”.

Molto deluso…

giuliano : “Sono soprattutto molto deluso perché sono due o tre settimane che mi alleno molto bene e da quando sono arrivato qui, anche ieri, non ho avuto ottime sensazioni. Vista la pista, la bellezza dell'Arena, vogliamo fare bene, fare meglio e alla fine è complicato ma questi sono momenti che dobbiamo gestire. Non abbiamo giocato una grande partita, ma alla fine abbiamo avuto delle occasioni e penso che almeno possiamo fare meglio con il servizio. Forse un breaker una volta, un tie-break o magari un set senza giocare bene. 

E lì riusciranno a conquistare punti, partite, facendo due o tre errori, ma se la caveranno e alla fine per noi le cose non andranno molto bene. Personalmente sono deluso dalle sensazioni e dal livello generale di gioco. Adrien, sapevo che forse non stava necessariamente molto bene fisicamente e forse spettava a me riuscire a occupare più spazio, accendere davvero un po' questa parte e cercare di entrarci davvero, ma non ci sono riuscito. "

seguente

Adrien : “Ho il permesso di giocare, non c'è problema, altrimenti non sarei venuto. Il fisioterapista mi ha detto che potevo giocare, che non c'erano problemi. Lì penso che mi prenderò un po' di tempo per recuperare fisicamente e prepararmi se sarò convocato dalla squadra francese per l'Europeo. Questo è un obiettivo importante per me. 

Sapete quanto amo questo tipo di competizioni e amo difendere i colori del mio Paese. Cercherò di rimettermi in forma per questa competizione se sarò selezionato. E se non sarò selezionato, non importa, sarò dietro ai miei amici affinché arrivino il più lontano possibile. Con Julien abbiamo due grandi obiettivi a settembre: il Campionato francese e il Roland-Garros. Ho bisogno di tornare in sella, non sono più molto giovane quindi forse dovrei perdere un po’ di peso e allenarmi un po’ di più”. 

“Prima di tutto mi prenderò cura di me stesso per essere al 100%, perché è vero che è un po' frustrante. Abbiamo giocato due tornei tra il Barcellona e questo e il problema è nella mia testa. Poiché so che non sono necessariamente al massimo delle forze, sono un po' psicotico all'inizio, sono un po' titubante, mi mancano i pallonetti. Dopo il secondo mi sento meglio e la partita inizia ad equilibrarsi un po', ma ehi, è troppo tardi. Bisogna essere al massimo fin dalle prime partite”.

L'intervista nella sua interezza:

Dorian Massy

Nuovo seguace di padel, Sono affascinato da questo sport dinamico che unisce strategia e agilità. Trovo nel padel una nuova passione da esplorare e condividere con te Padel Magazine.