Devo confessare umilmente, il giocatore di padel che sono soffre di una sindrome molto diffusa: quella dell'“idiota maschio sostenitore”. Attenzione, non confondere con la sindrome del "malinteso", anche se i due a volte si fondono.

Quello che io e innumerevoli maschi lottiamo per capire e accettare è che il potere brutale di uno smash non è sufficiente per segnare il punto con certezza al padel. È vero a livello amatoriale ma vale anche per i professionisti: anche Juan Lebron o Ale Galan a volte colpiscono molto duramente... eppure vengono pietosamente contrastati.

Invia stub

Al contrario, ragazze – che giocano in modo più intelligente – usa molta meno forza e molta più precisione, pazienza e strategia per chiudere i punti. Il maschio alfa, d'altra parte, scioccamente insiste, con tutte le sue forze, nell'"advocare". Intende con questo “praticare la pronazione”, questa rotazione del polso e dell'avambraccio che permette di inviare monconi mentre si smashant.

Che vanità pensare che i giocatori maschi padel possono rinunciare al condizionamento ancestrale che li spinge alla brutalità, cercando invece di aiutarli a praticare una pronazione più efficace. In altre parole, per aumentare la loro percentuale di successi vincenti. Fallo con l'aiuto di cinque suggerimenti.

Avere la presa giusta è fondamentale per praticare la pronazione, utilizzare il polso per dirigere la palla nella direzione desiderata e ottimizzarne la potenza. Concretamente, per spaccare bene, dovrai adottare una spina continentale, leggermente più chiuso rispetto all'impugnatura del martello. Inoltre l'indice non va incollato alle altre dita, ma un po' più in alto, in modo da dare più ampiezza al polso.
Questa presa è molto migliore di quella del diritto spesso adottata dai principianti. Quest'ultimo limita troppo la capacità di dirigere la palla nella direzione desiderata e di utilizzare il peso del corpo.

Se guardi i professionisti, vedrai che molti di loro adottano una presa a spillo di rovescio, che consente loro di dare più effetti. Questa presa non è necessariamente consigliata ai principianti, poiché richiede una notevole padronanza tecnica.

Padroneggiare l'altalena.- Poiché non basta colpire la palla con il polso e l'avambraccio, un buon smash deve sfruttare il peso del corpo del giocatore. Per questo è necessario posizionarsi sotto la palla e di profilo rispetto ad essa e far oscillare il peso del corpo della schiena verso l'avanti. Puntare la palla con la mano sinistra (per un destrorso) favorisce la precisione e il movimento oscillatorio.

L'arco della schiena di Lebron

La spinta della gamba.- Oltre al rocker, uno smash guadagnerà ancora più potenza se beneficia di una spinta emanata dalle gambe: piegamenti ed estensioni (a volte seguite da un salto) consentono loro di rilassarsi come un arco. Il maestro in materia si chiama Juan Lebron, che aggiunge a questo gesto un imponente arco della schiena (vedi foto sotto).

Il successo di Juan Lebron babolat żmija,en
Juan Lebron è in grado di sferrare successi vincenti dal fondo della pista.

Elevazione con l'ascensore.- La maggior parte dei bravi schiacciatori non solo colpisce in modo piatto, ma spazzola la palla su e giù, raccogliendola leggermente dietro la testa. Il colpo è quindi meno violento, ma il topspin, amplificato dal vetro posteriore, dà alla palla un effetto ascendente. Ad alto livello è diventato fondamentale vista l'espansione verticale dei difensori.

Non sfondare troppo.- Più sei lontano dalla rete, meno è probabile che lo smash vinca: è ovvio eppure, lo dimentichiamo, come le rane che vogliono essere grandi come buoi. Quindi ricorda: oltre i 4-5 m dalla rete, è preferibile effettuare a bandeja o vibora per mantenere la rete e cercare di avere un'opportunità più schietta per concludere il rally.

Mira alle aree giuste.- Non ha senso colpire forte se non sai come mirare. Il tocco di due vetri, ad esempio, è da evitare in caso di interruzioni di corrente. Allo stesso modo, un colpo corto rischia di colpire la recinzione di fondo campo: se la fortuna non è con te, la palla sarà facile da difendere.

Per contro, diverse zone sono da privilegiare: colpire molto vicino al lunotto permetterà ad uno smash teso e parallelo di rientrare molto velocemente e sorpassare l'avversario; mirare a terra proprio davanti alla linea di servizio farà andare la palla alta sul vetro, dandoti una possibilità in più di lanciare un pallonetto alla difesa; uno smash in topspin all'ultimo giunto tra le finestre avrà buone possibilità di finire in un par 3; infine, un par 4 si otterrà colpendo con la giusta angolazione, a patto di essere abbastanza vicini alla rete.

Questi sono solo alcuni consigli, tra gli altri, per evitare che la tua arma preferita si rivolga contro di te. E, naturalmente, è sostenendo che si diventa penitenti...

Jérome Arnoux Giornalista

Dopo 40 anni di tennis, Jérôme cade nel piatto del padel nel 2018. Da allora ci pensa tutte le mattine mentre si rade… ma non si rade mai il pala in mano! Giornalista in Alsazia, non ha altra ambizione che condividere la sua passione con te, che tu parli francese, italiano, spagnolo o inglese.