Thierry omeyer, l'emblematico portiere della squadra di pallamano francese era di passaggio P2000 delle Piramidi. È andato al microfono di Padel Rivista.

Thierry Omeyer: Mi piace giocare a padel alle Piramidi. Mi sto divertendo molto e il mio obiettivo ora è provare a migliorare.

FB: Possiamo trovare somiglianze tra la mano e il padel, in particolare nel gioco di gambe?

A: Nel padel non devi sempre provare a colpire forte, ci sono molti touchdown. In termini di gioco di gambe, ci sono molte somiglianze con la posizione del portiere di pallamano che si gioca molto su piccoli supporti. Nel padel, sono i piccoli passaggi di regolazione che ti permettono di essere ben posizionato rispetto alla palla. Mi permette di mantenere la mia condizione fisica.

FB: Piuttosto candela, pallonetto o da 3?

A: cerco di padroneggiare tutti gli scatti. Ho capito che il pallonetto è un vero attacco quindi provo a lavorarci.

Lorenzo Lecci López

Con i suoi nomi, possiamo indovinare le sue origini spagnole e italiane. Lorenzo è un poliglotta appassionato di sport: il giornalismo per vocazione e gli eventi per adorazione sono le sue due gambe. La sua ambizione è quella di coprire i più grandi eventi sportivi (olimpici e mondiali). È interessato alla situazione dei padel in Francia e offre prospettive per uno sviluppo ottimale.