Tommaso Vanbauce è come in “un sogno” con questa prima selezione per la squadra francese per partecipare al Campionati Europei Padel 2024 in Italia.

Premier Padel a Bordeaux, forse decisivo?

“È un’emozione indescrivibile, ancora non riesco a superarla. Lo ammetto, sono ancora un po' come se fossi in un sogno. Penso che me ne renderò davvero conto quando riceverò i completi o quando ci troveremo tutti insieme per preparare questi Campionati Europei. Sì, è un sogno.

Il giorno prima dell’annuncio ero stressato. Per il piccolo aneddoto, con Max Joris, il mio compagno, ci siamo scambiati messaggi per fare il conto alla rovescia per la selezione perché avevamo una data e un'ora fissa, ma è stata posticipata più volte, il che ci ha reso ancora più stressati. È stato molto divertente.

Non so se questo torneo di Bordeaux abbia fatto pendere l'ago della bilancia, non saprei proprio dirvelo.

Penso che questo torneo abbia dimostrato che, nei grandi eventi, io e Max siamo in grado di giocare molto bene sotto pressione. Forse questa è stata la piccola domanda che è sorta su di noi. Questo torneo è stato vantaggioso per noi, sia individualmente che collettivamente.

Continueremo a cavalcare questa dinamica, non rimarremo con le mani in mano fino a Cagliari e continueremo a giocare tornei per preparare al meglio questi Europei perché l'obiettivo è chiaro: cercheremo di riportare una medaglia.

Thomas VanbauceMax Joris

“Mi sentivo come se stessimo lottando fino ai nove”

Per quanto riguarda la selezione, ho avuto l'impressione che nove di noi stessero lottando per otto posti. Jérôme Inzerillo ha svolto un ottimo tirocinio, è recentemente diventato padre e ci congratuliamo nuovamente con lui. Sfortunatamente, non è stato selezionato per questi Campionati Europei. È un grande atleta, sono convinto che tornerà forte e che potremo contare su di lui nei tornei e potenzialmente ai Mondiali. Ma è certo che alle nove c'è chi resta in disparte. Questa volta è toccato a lui, avrebbe potuto toccare a me (ndr. anche se Jérome Inzerillo gioca principalmente a destra e Thomas Vanbauce a sinistra).

Quello che è certo è che prendendo noi e Max gli allenatori sanno che lavoriamo bene insieme. Se fossimo separati non saprebbero con chi mettermi a destra. Se Max fosse stato scattato senza di me, sarebbe lo stesso per il lato sinistro.

L’obiettivo di questa squadra francese è quello di essere una delle tre migliori squadre, come sempre”.

Il video completo qui:

https://youtu.be/lMsrB6ffsd0
Franck Binisti

Franck Binisti scopre il padel al Club des Pyramides nel 2009 nella regione parigina. Da padel fa parte della sua vita. Lo vedi spesso in tournée in Francia per coprire i principali eventi di padel français.