In occasione di partita tra squadre di club che si oppose al All In Padel Lione alla Big Padel Jet Academy, Padel Magazine ha potuto imparare qualcosa in più sulla nuova partnership tra il club del Lione e Babolat.

Sul posto, Mario Cordero parlato con Arnaud Taboni, direttore sportivo del club e Pierre Gadras, Promotore di Tennis e Padel Francia a Babolat.

Una logica tra due società lionesi

Questo è Arnaud che ha annunciato la notizia al microfono di Mario:

“Stiamo avviando una collaborazione con Babolat e siamo molto orgogliosi di iniziare con loro, soprattutto perché è un'azienda di Lione. Tutto è stato fatto per unirci. Abbiamo aperto il 9 giugno e finora tutto sta andando come avremmo voluto. Ci fidiamo di questo Babolat ci accompagnerà nelle nostre attività il più a lungo possibile”.

Pierre Gadras aggiungendo:

"È fantastico poter accompagnare l'All In nel suo sviluppo. cellulafaceva parte di una grande partnership già in atto nel tennis a Grasse, Villeneuve d'Asque e presto nella vicina Lione.

Ci è sembrato quindi ovvio venire a sponsorizzare l'All In Padel. C'è una grande squadra e tante altre persone che non vedi come Déborah e Vivien. Siamo orgogliosi di supportare questo club attraverso test di prodotto, eventi, tornei, in modo da permettere allo sport di crescere un po' di più.

A Lione abbiamo pochissimi campi coperti, il padel si è sviluppato molto negli ultimi mesi, quindi è con grande piacere che sosterremo il club in questo bellissimo progetto.".

 

Terra di padel a All In Lyon

 

Mario Cordero ha sottolineato il fatto che, oltre alla gara a squadre, quello stesso giorno si sono disputati altri due tornei, un P100 H e un P250 F. Una tribuna Babolat era presente nel club.  Qual era lo scopo di questa presenza ? I giocatori hanno la possibilità di testare l'attrezzatura durante queste presenze effimere?

PG "Sì, certo, l'obiettivo è consentire a tutti i giocatori di testare i prodotti (racchette, tessuti, scarpe da ginnastica ecc.) qualunque sia il loro livello.

Soprattutto dal momento che i giocatori amano tutte queste informazioni, si divertono a giocare, quindi è normale che possano venire a vedere e testare i prodotti. Vogliamo fare più eventi possibili durante tutto l'anno.".

MC: Puoi parlarci dello sviluppo del club? Ci hai detto che eri abbastanza soddisfatto del tasso di riempimento.

AT"Si Certamente. In termini di riempimento abbiamo sempre il numero di coppie che vogliamo avere nei tornei. Nelle fasce orarie serali e nei fine settimana siamo pieni così come nelle ore di pranzo.

Stiamo sviluppando durante le ore non di punta, lavoriamo con le università ei pensionati. Abbiamo anche una vasta base di nuovi praticanti. E grazie a Babolat abbiamo attrezzature di alta gamma per ogni persona e questo ci permette di offrire un servizio in più”.

Guarda il video completo della conversazione qui sotto:

Team Padel Mag

il team Padel Magazine cerca di offrirti dal 2013 il meglio di padel, ma anche sondaggi, analisi per cercare di capire il mondo padel. Dal gioco alla politica del nostro sport, Padel Magazine è al tuo servizio.