Diversi giocatori da padel i professionisti si trovano in una situazione insopportabile che impedisce loro di svolgere normalmente il proprio lavoro. Un giocatore e un giocatore hanno il coraggio di parlare di un argomento che è stato in gran parte tabù fino ad ora.

La libertà di parola

Tutto è iniziato quando il giocatore argentino Ramiro Pereyra ha deciso di parlare sui social. Un torneo è stato organizzato dall'APT Padel Tournée nella sua città natale, Mar del Plata, ma il giovane argentino non ha potuto disputare la competizione per motivi amministrativi.

Non è né la prima né l'ultima volta, ma l'argentino è rimasto particolarmente dispiaciuto di non poter giocare davanti alla sua famiglia.

"La scorsa settimana si è tenuto un torneo APT a Mar del Plata, nella mia città, a casa mia. E non potevo viaggiare per problemi con le scartoffie. Probabilmente è stato uno dei tornei più importanti degli ultimi anni nella mia città…”, si lamentò Ramiro.

rama pereyra oeiras
Ramiro Pereyra all'APT Oeiras Open 2022 – Crediti fotografici Padel Magazine – Occhio di Padel

Le padel, una professione non riconosciuta

“Nella mia situazione, essendo in Europa, registrato come domiciliato qui, posso permettermi solo il “lusso” di viaggiare per giocare nel continente e con cura. Perchè questo ? Poiché non ho un passaporto o una "carta" che mi permetta di partecipare a tornei in tutto il mondo, è ovviamente molto difficile partecipare a tutte le competizioni", continua il 46° giocatore della classifica APT.

La radice del problema sta nel fatto che questi giocatori sudamericani non beneficiano di un visto di lavoro quando vengono a stabilirsi in Spagna per esercitare la loro professione.

C'è chi riesce a trovare sfilate come l'iscrizione all'università per avere il visto studentesco, una soluzione che non è in alcun modo duratura. Un giocatore ci ha persino detto un giorno di aver avviato una procedura di matrimonio per ottenere i documenti. La soluzione miracolosa è spesso quella di avere un nonno italiano a beneficiare di questo famoso passaporto europeo.

I giocatori non possono rischiare di essere controllati senza un visto valido, motivo per cui alcuni non volano nemmeno nell'Unione Europea. Per lo più viaggiano in autobus e raramente lasciano la Spagna.

nerea derbis oeiras

"Siamo spaventati"

Attualmente, otto giocatori sarebbero in questa situazione. Una situazione difficile per loro, e anche alcuni talenti sudamericani potrebbero essere costretti ad abbandonare il caso se nessuno li aiuta.

“Possiamo viaggiare e partecipare a determinate competizioni, ma abbiamo paura!", Spiega Nerea Derby à Padel Magazine. Infatti, un semplice controllo di polizia può vedere un giocatore sprovvisto di visto valido trovarsi nell'obbligo di lasciare il territorio. Nonostante questa situazione, Nerea non vuole rinunciare al suo sogno di essere tra le migliori.

“Vorremmo ricevere supporto per permetterci di continuare a dedicarci a questo meraviglioso sport”, continua.

“Vorrei che i circuiti che coinvolgono giocatori professionisti (WPT, APT, FIP) potessero darci una soluzione o almeno essere consapevoli del problema. Con così tante associazioni di giocatori, federazioni professionistiche, potremmo essere aiutati. Finora solo un'associazione ha dato il via libera e ha iniziato ad affrontare questo problema”, spiega a Rama Pereyra Padel Magazine.

Quale soluzione?

Le padel è uno sport giovane, e il padel professionale ha ancora molta strada da fare per essere considerata una vera e propria professione. Qualche anno fa, o anche meno, solo una manciata di giocatori poteva davvero essere considerata professionista. A poco a poco le cose stanno cambiando. Si dice che un giocatore firmi un contratto annuale da due milioni di euro con un marchio, dimostrando che in questo sport ci sono soldi, almeno per il meglio.

Il montepremi delle competizioni è in aumento dall'arrivo di Premier Padel, e ci sono tutte le ragioni per credere che più giocatori potranno guadagnarsi da vivere con la loro partecipazione ai tornei e con i contratti di sponsorizzazione negli anni a venire. Eppure la situazione resta immutata per gli altri, soprattutto per quelli che non hanno la fortuna di avere un nonno europeo...

La specificità di padel è che i giovani talenti sono costretti a trasferirsi in Spagna per tentare la fortuna. Nel tennis, i giovani talenti sudamericani non devono vivere in Europa e lasciare la residenza nel paese di origine. Pertanto non hanno bisogno di un visto a lungo termine.

La maggior parte dei grandi talenti sudamericani che conosciamo sono passati attraverso questa scatola, nel momento in cui il padel non era così internazionale. La nazionalizzazione, l'aiuto di uno sponsor, o il fatto di restare 5 anni sul territorio sono spesso le soluzioni, ma non facili da ottenere per i giocatori in fondo alla classifica internazionale.

Le associazioni di giocatori devono sostenere questi atleti che hanno messo in pausa la loro vita familiare per venire a stabilirsi in Spagna. La Federazione Internazionale di padel (FIP) deve essere consapevole del problema per tutelare i giovani talenti sudamericani che danno diversità a questo sport.

Padel Magazine sostiene l'intervento di Ramiro Pereyra e Nerea Derbis, e invita tutti i media del padel farne eco in modo che raggiunga le orecchie delle federazioni, il che può sicuramente cambiare la situazione.

Dai suoi nomi si possono intuire le sue origini spagnole e italiane. Lorenzo è un poliglotta appassionato di sport: giornalismo per vocazione ed eventi per culto sono le sue due gambe. È il gentleman internazionale di Padel Magazine. Lo vedrai spesso nelle varie competizioni internazionali, ma anche nei maggiori eventi francesi. @eyeofpadel su Instagram per vedere le sue migliori foto di padel !