Abbiamo te intervistati la scorsa settimana sui tuoi palloni preferiti e sui motivi che ti portano a scegliere questo o quel modello. Grazie a chi ha risposto! Questo mini-sondaggio ovviamente non ha valore scientifico, ma il suo risultato parla chiaro: il 50% di coloro che hanno risposto alla nostra serie di domande ha preferito palloni di una determinata marca.

Ma prima di entrare nel dettaglio delle palline che piacciono o non piacciono ai nostri intervistati, diamo un'occhiata ai criteri che preferiscono per fare la loro scelta.

Durata, vivacità, prezzo

Il prezzo.- Se è importante, il prezzo arriva solo in terza posizione dei criteri di priorità ai tuoi occhi. Il “giusto prezzo”, quello che compare più spesso nelle tue risposte, è di 5 euro per una scatola da tre palline. Alcuni di voi stanno aspettando offerte promozionali per pagare solo 4€, a volte acquistando lotti da 24 scatole, a volte in acquisto di gruppo con gli amici. Altri accettano di pagare fino a 8 euro a tubo, in un negozio specializzato o nel loro club.

Il luogo di acquisto.- Tra i nostri 28 intervistati, dodici giocatori (43%) acquistano le loro palle su Internet, a volte in grandi quantità. Dieci preferiscono fare scorta in un negozio specializzato o in un supermercato sportivo, pensando a Decathlon. Cinque comprano nel club dove giocano e uno fortunato non paga le palle: ha un contratto con un marchio.

Durata.- Questo è IL criterio più importante per te: la durata o longevità è citata 22 volte dai nostri intervistati (78,5%), che si aspettano che una palla mantenga una pressione costante per diverse sessioni.

Vivacità.- Sedici (57%) dei nostri 28 intervistati sono attaccati alla vivacità del rimbalzo e alla velocità di una palla. Normale, nessuno vuole annoiarsi in pista con palloni troppo morbidi, nemmeno i giocatori il cui gioco difensivo è il loro punto di forza. Questo spiega perché la palla più vivace della gamma Head ebbe tanto successo (leggi sotto).

Controllo e peso.- Non perdere il controllo della palla è fondamentale padel. Tuttavia, questo criterio è citato direttamente solo da due persone. Ma a quattro nostri giocatori non piacciono le palle “troppo leggere”, proprio per evitare che gli sfuggano. Al contrario, due intervistati temono palle troppo pesanti e altri due dicono di essere attaccati al comfort...

La qualità del feltro.- Questo criterio viene proposto raramente, ma alcuni giocatori sono attaccati al fatto che una palla non fluffa troppo velocemente e mantenga intatto il suo feltro.

Domanda di Johan 8220A quando le balle che non assorbono l'umidità 8217

Quelli che ti piacciono un po', molto... per niente

Ora veniamo ai tuoi palloni preferiti, marca per marca.

Head nella tua mente : Come abbiamo detto, la metà degli intervistati mostra la propria preferenza per i palloni di marca Head. Il fatto che sia il pallone ufficiale del World Padel Tour potrebbe non esservi estraneo. È inoltre il Head Professionisti, il più vivace della gamma, quello che ti piace di più: un terzo degli intervistati lo classifica al primo posto. Il Head Pro è tre volte meno apprezzato del Professionisti.

Ma anche il marchio austriaco ha i suoi detrattori. “Le palle che non mi piacciono sono le Head basic, Pro e Pro S”, afferma Gaël, che giustifica “In termini di durata, è zero. Vanno bene per i professionisti con cambi palla frequenti, ma se non entro un'ora la loro resa è già diminuita parecchio”. Roland, giudica il Head Pro "orribile" e preferisce Wilson X3. Anche a Fabrice non piacciono. Head ("sono i peggiori") e preferisce i proiettili Nox (leggere sotto).

Bullpadel : Otto intervistati su 28 affermano di amare le palle Bullpadel, spesso alla pari con altri marchi. I Premium Gold piacciono a Thibaud, a cui piacciono anche i Master, proprio come Michaël. Le gare fanno appello a Simon per "la loro durata e il loro pugno", mentre Gaël classifica il prossimo tra i suoi primi tre, con il Babolat Padel Tour e il Kuikma 570. D'altra parte, Didier considera il Premium Pro “troppo duro”, l'unica critica rivolta a questo marchio.

Troppo duro il Premium Pro?

I Kuikma sono divisivi : I palloni prodotti da Decathlon attirano un intervistato su sette, ma alcuni di loro attirano aspre critiche. Il 990S (il più veloce) sembra attrarre più del 990C, più orientato al controllo. Il 570 sono ad esempio apprezzati da Gaël, ma odiati da Johan. Thibaud incolpa i proiettili Kuikma consumarsi troppo in fretta, ma non è nemmeno gentile con il Head ("duro e privo di controllo") e Babolat (“pesanti e perdono la loro vivacità troppo in fretta”).

I 990S sono più popolari dei 990C.

Babolat : Come il Kuikma, il Babolat sono citati da un intervistato su sette come i loro palloni preferiti. Ma se il Babolat Piace alla torre, a un giocatore non piacciono Babolat Squadra, dimenticando che queste sono palline da tennis e non padel… Ma un altro dei nostri intervistati, un amante del pallone Babolat, dice che “giocare con le palline da tennis non gli dà fastidio”. Una recensione di Thibaud: “The Babolat sono troppo pesanti e perdono rapidamente la loro vivacità”.

Wilson : Il marchio americano è citato da quattro giocatori. Due di loro si mettono queste palle in testa, un terzo le giudica “onorevoli”. Quest'ultimo ne apprezza la velocità e la leggerezza, ma non è neutrale perché ha un contratto con questo marchio.

Nox : Citati da tre persone, i palloni di questo marchio sono i preferiti di Julien e Fabrice, mentre Simon consiglia di “evitarli”.

Tecnifibre : Non molto comuni nei club o nei negozi, queste palline vengono menzionate solo da tre giocatori... a cui non piacciono.

E l'ecologia, allora?

Sullo sfondo di diverse risposte, troviamo la questione dell'ecologia, importante agli occhi di molti. "Avremmo bisogno di un sistema di riciclaggio dei palloni e di fornirlo ai club", afferma Mathieu, ad esempio. Inoltre, la maggior parte dei giocatori nel nostro panel possiede un pressurizzatore per palloni o prevede di acquistarne uno. Alcuni ritengono che allunghino la vita delle palle, altri sono più scettici ma aspettano solo di essere convinti. Uno dei nostri intervistati spiega che "usa palloni nuovi per ogni sessione e quindi cerca di acquistarli a buon mercato". Ma cosa succede alle palle usate? Un'idea di riciclo appena sotto...

Per continuare questo dibattito, succede sulla nostra pagina Facebook.

Dopo 40 anni di tennis, Jérôme cade nel piatto del padel nel 2018. Da allora ci pensa tutte le mattine mentre si rade… ma non si rade mai il pala in mano! Giornalista in Alsazia, non ha altra ambizione che condividere la sua passione con te, che tu parli francese, italiano, spagnolo o inglese.