Caldo davanti... e caldo anche dietro. Questo mercoledì a Tolosa sono saliti a 38°. E dovrebbe risalire nei giorni a seguire, con 41 gradi annunciati venerdì! [Modifica giovedì: questo massimo è stato rivisto al ribasso, a 38° lo stesso]

Non abbiamo il termometro, ma fa molto caldo dentro e intorno ai due binari del Palais des Sports, che non ha l'aria condizionata.

37°2 di sera?

Quanto costa esattamente? “Preferisco non saperlo, ci ha detto Robin Haziza, il direttore di gara. È vero, qui non c'è l'aria condizionata. Non è così comune che ci siano 40 gradi a giugno a Tolosa. Ma per il momento non siamo in un'ondata di caldo, me lo ha confermato il Dipartimento. Finché le temperature scendono di notte, non è necessario adottare misure speciali. I giocatori non hanno affatto paura di queste condizioni, sono per lo più spagnoli e molto abituati. Saranno la prossima settimana a Valladolid, dove farà ancora molto più caldo. »

Anche se non sono ancora 37°2 di sera, anche le temperature mattutine sono in aumento, con una minima annunciata di 25° per sabato mattina.

Nel frattempo, abbiamo chiesto a diversi giocatori cosa preferiscono: giocare con temperature elevate o con tempo freddo. La loro risposta unanime è “il caldo”: anche ai francesi piace scaldarsi.

"Adoro quando fa molto caldo, ci ha detto Benjamin Tison. Oggi è molto buono. Preferirei un caldo meno umido, ma francamente mi piace. "Il suo compagno Teo Zapata apprezza anche le alte temperature, ma meno il caldo umido.

"Preferisco giocare quando fa caldo, dice anche Thomas Leygue. Qui fa caldo, è vero, ma il terreno è molto lento, quindi è strano. A Doha forse è meglio non giocare se ci sono 50 gradi. Ma in Francia, anche a 40 o 45° al sole, si gioca. E io, non mi dà fastidio. Al contrario, ci ha detto che aveva già giocato a -5 gradi, ad Aix-en-Provence...

Anche Paquito si bagna sugli spalti

Rallentare il campo del Tolosa? La maggior parte lo dice, tranne Arturo Coello – forse quello che abbiamo visto raggiungere la percentuale più alta di vittorie smash mercoledì. “Per me la pista è normale: esce poco, ma esce. Penso che sia ben oltre i 30 gradi. Il suo ricordo più ardente è in Qatar. E il più freddo, a Valladolid: “Ho già giocato a meno 10 gradi. Ma non era nel torneo, è perché vivo lì.

Il giocatore meno sovrumano, almeno nelle sue parole, lo è Johan Bergeron : “A Marbella l'anno scorso ea Doha quest'anno, faceva molto, molto caldo, eravamo nel bel mezzo di un evasore. Con il sole che ti colpisce davvero. Mi piace perché puoi distruggere molto. Ma per il corpo, è difficile. »

Avremmo potuto concludere questo articolo su questa nota di umanità di un francese picchiato oggi dal superuomo Belasteguin, 43 anni e ancora bollente, associato al prepotente Coello (1,90 m), "con le sue braccia di 17 metri" (secondo Thomas Leygue).

Ma ora altri due superuomini sono venuti a sedersi proprio dietro i sedili dei giornalisti, durante il bellissimo match Ruiz/Gonzalez contro Lamperti/Sanz: niente di meno che Paquito Navarro et Martin Di Nanno, il numero 2 del mondo in persona, accompagnato da Federico Chingotto.

Questo mercoledì sugli spalti i tifosi – compreso il nostro editorialista Seb Carrasco – hanno potuto scaldarsi in compagnia di tre stelle del padel.

“È vero che qui fa molto caldo, ha ammesso Paquito. In Spagna c'è spesso l'aria condizionata, che accendiamo un po' per temperarla. Vedremo domani [giovedì] com'è in campo... ”Ma quando gli ricordiamo che è un “grande battitore”, ammette, sorridendo, che può avvantaggiarlo...

Infine, sono forse gli spettatori a cui piace di meno il caldo… Anche i giornalisti!

Jérome Arnoux Giornalista

Dopo 40 anni di tennis, Jérôme cade nel piatto del padel nel 2018. Da allora ci pensa tutte le mattine mentre si rade… ma non si rade mai il pala in mano! Giornalista in Alsazia, non ha altra ambizione che condividere la sua passione con te, che tu parli francese, italiano, spagnolo o inglese.