Dopo la grande atmosfera che ha segnato tutto La partita di Léa Godallier e Teresa Navarro all'inizio del pomeriggio, una specie di torpore si è impadronita del Palais des Sports di Tolosa.
Tuttavia, è un'altra francese che è stata sulla pista centrale intorno alle 17:19. Alix Collombon, associata a Jessica Castello, ha disputato un match emozionante contro Carla Mesa e Claudia Jensen. Intorno alle 3, la coppia franco-spagnola era in vantaggio per 2-XNUMX, con una pausa d'anticipo e il pubblico ha iniziato a creare un po' di atmosfera.

Oltre al caldo, che logora i corpi dei giocatori e l'ardore degli spettatori, il centro soffre anche della concorrenza della pista 2, dove si disputa un feroce incontro di tavolo maschile, forse la più bella locandina di questi 1/16 finale. Nel momento in cui scrivo, Miguel Yanguas e Coki Nieto sono a pari merito con Lucas Campagnolo e Javi Garrido (6/3 3/6 4/4 e 40A), in una partita iniziata alle 2:17.

Improvvisamente, il pubblico è numeroso per seguire questa battaglia di battitori... dove non colpiamo molto perché il nuovo tappeto qui è più lento di quello di 4Padel de Colomiers - dove sono piovute le percosse durante i previa.

Due cadaveri di fila

Aggiungete a ciò un colpo supersonico di Garrido inviato proprio attraverso il corpo di Yanguas, seguito da un colpo stratosferico sferrato da Yanguas a distanza ravvicinata su Garrido... e avrete capito che gli spettatori sono attratti dall'odore di zolfo.

Ma mentre Garrido e Campa hanno vinto questo duello di titani alle 19:07 in punto e Collombon/Castello hanno rotto alle 19:09 nel terzo set portandosi in vantaggio per 5/2, il centrocampo ha promesso di riaccendersi nei minuti successivi.

E questo è stato il caso, con dieci volte il sostegno pubblico, che ha aiutato Alix e Jessica a resistere al ritorno di Mesa e Jensen e vincere 6/4, dopo il 4° match point! Non risentita, Alix Collombon ha ringraziato la sala al microfono per questo ultimo stand: “Un enorme grazie al pubblico per il supporto. È stato un brivido giocare con questa atmosfera perché ad un certo punto eravamo in tempi difficili. Abbiamo avuto alcuni alti e bassi, ma abbiamo giocato bene nei momenti chiave contro una coppia che sapevamo essere in ottima forma in questo momento. »

Jérome Arnoux Giornalista

Dopo 40 anni di tennis, Jérôme cade nel piatto del padel nel 2018. Da allora ci pensa tutte le mattine mentre si rade… ma non si rade mai il pala in mano! Giornalista in Alsazia, non ha altra ambizione che condividere la sua passione con te, che tu parli francese, italiano, spagnolo o inglese.