P2000, P500 junior, FIP Gold… il Club du Mas di Perpignan è al centro delle novità. L'opportunità di incontrare Alain Henry.

Da 4 campi da tennis a 10 campi da tennis padel

Padel Magazine : Alain, ci racconti un po' la storia del club?

Alain Henry: E' la storia di un circolo privato familiare di 4 campi da tennis creato dai miei genitori negli anni 80. Erano gli anni del tennis, il numero dei giocatori continuava ad aumentare e le strutture mancavano, un po' come per il padel Oggi.

Negli anni il club è cresciuto e ha preso importanti svolte, come nel 2005 con la creazione di 5 campi da squash. Poi nel 2012 abbiamo costruito la prima traccia di padel, molto rapidamente raggiunto da altri 2 l'anno successivo. Nel 2015 tre nuove piste prendono il posto di un campo da tennis per soddisfare la domanda sempre crescente; sono stati poi coperti nel 2020. E infine quest'anno ne abbiamo aggiunti 3 padel ulteriori interni sacrificando gli ultimi 2 campi da tennis.

Padel Magazine : Ciò significa che oggi sei al 100% padel ?

Alain Henry: Sì esatto, il tennis è finito! Da 4 campi da tennis siamo passati a 10 piste di padel, di cui 6 al chiuso. Il tennis è il nostro DNA da 40 anni perché con Frédéric Tap eravamo soprattutto appassionati. In tutti questi anni abbiamo sviluppato il club attraverso l'insegnamento. Abbiamo avuto fino a 350 giovani alla scuola di tennis su 4 campi.

Oggi si volta pagina e il club guarda al futuro, ma senza dimenticare la strada percorsa e la felicità che il tennis ci ha regalato.

Padel Magazine : Durante questo passaggio dal tennis al padel, ci sono stati ostacoli a livello dei giocatori? 

Alain Henry: Non proprio. Con i 2 campi da tennis rimasti, non c'erano più gare e quasi più partite di squadra. Ciò è avvenuto naturalmente e i pochi tennisti rimasti sono passati ai club vicini. Quanto alla scuola di tennis, abbiamo trattenuto quasi l'80% dei giovani, che oggi giocano tutti padel...

Padel Magazine : Come e perché hai iniziato padel ?

Alain Henry: Prima per piacere, poi per passione. Dopo aver provato in Spagna, abbiamo deciso di mettere una pista al club per nostro piacere personale… Ma alla fine, tutti volevano giocare lì! Era quindi necessario proporre rapidamente altri siti.

Personalmente ho fatto il passaggio del 100% all'insegnamento padel per espandere il business e soddisfare la domanda. il padel ha riportato molto rapidamente la convivialità all'interno del club.

Nel 2014 ho scritto insieme a Cédric Carité il primo libro su padel fornire uno strumento per insegnare e comprendere il gioco, perché in queste zone, in Francia, tutto doveva essere costruito.

Alain Henry e Cédric Carité con il loro libro “I fondamenti di padel"

"Trovare il giusto equilibrio tra competizione e tempo libero"

Padel Magazine : Esattamente, come vedi il futuro di padel in Francia e nel mondo?

Alain Henry: Per fare un confronto, credo che il padel è attualmente a livello di tennis negli anni '70/'80.

Da 10 anni siamo attori e anche spettatori dell'evoluzione del padel. Nel 2012 eravamo dieci club e cento giocatori in Francia. Padel Magazine, eri tu (Franck Binisti) e la tua macchina fotografica, e oggi guarda il corso! Per noi era lo stesso, una traccia, poi 3 e ora 10.

Le padel è sempre più strutturato sia a livello di federazione tennis che a livello di giocatori privati ​​e pubblici.

Perché uno sport si sviluppi, ha bisogno di visibilità, strutture, istruzione di qualità e giovani. Su ogni punto il padel progredire rapidamente e anche più velocemente del previsto.

Ma ciò che dovrebbe guidare le scelte è il gioco stesso e il piacere che dà alle persone.

L'importante è saper trovare il giusto equilibrio tra competizione e tempo libero, avere una formazione docenti di qualità con una forte identità, una politica di sviluppo e strutturazione dei giovani, una vera partnership di fiducia tra FFT e club privati. . Abbiamo anche bisogno di una politica geografica coerente di qualità degli impianti e non di quantità come abbiamo fatto nel tennis. E infine una chiara e reale identificazione del numero di praticanti con e senza licenza.

Come tutti gli sport, il massimo e l'élite devono rimanere la vetrina che deve far venire voglia di entrare nel negozio, ma è anche e soprattutto necessario che l'interno di questo negozio sia abbastanza accattivante e faccia venire voglia di tornare. Abbiamo bisogno di club con un'accoglienza adeguata in modo che il giocatore che viene tre o quattro volte a settimana sia apprezzato e che possiamo soddisfare le sue aspettative: trovare nuovi partner, creare giochi, autovalutarsi... padel, è soprattutto incontro, convivialità, condivisione, integrato nella vita del club, dentro e fuori dal campo.

“Creare tracce non è così difficile, dar loro vita è un vero lavoro”

Padel Magazine : Qual è il programma del Mas club per i prossimi anni?

Alain Henry: Il programma è sempre rimasto lo stesso da 40 anni: animare, far conoscere, allenare e insegnare questo meraviglioso sport. Sì, abbiamo ampliato e modernizzato il circolo, e il piccolo tennis club di famiglia è diventato un complesso più imponente, ma lo spirito rimane lo stesso.

Ci impegniamo a mantenere questo spirito di club ereditato dal tennis e forte della nostra lunga esperienza, facendo affidamento sulle persone che sono cresciute nel club per continuare ad andare avanti.

Creare lead non è così difficile, dar loro vita è un vero lavoro. Questo bellissimo strumento va messo al servizio del padel.

Dobbiamo lavorare altrettanto bene con la FFT per gli eventi, come saper animare la salita-discesa del venerdì sera; entrambi allenano i migliori giocatori francesi (4 membri delle squadre francesi del club) e danno la loro prima lezione padel a un nuovo iniziato.

Come abbiamo sempre fatto, cercheremo di continuare a innovare, per offrire, in ogni caso per essere sempre creatori piuttosto che follower.

Grandi eventi in Catalogna

Padel Magazine : Ora parliamo delle competizioni internazionali che hai organizzato...

Alain Henry: Vorrei dare di piùi nostri incontri importanti per gli appassionati di padel.

Innanzitutto il 13/14/15 maggio al Mas for la seconda P2000 della stagione e contemporaneamente la prima nazionale aperta P500 giovani U18.

Poi ci saranno altri 2 incontri importanti sul suolo catalano.

Dallo scorso anno abbiamo lanciato con un team di appassionati, di cui lei fa parte, l'associazione ADN PADEL che ha lo scopo di organizzare e promuovere il padel attraverso eventi, comprese le competizioni internazionali sotto l'egida della International Federation of Padel (FIP) e FFT.

christelle matéo david matéo alain henri franck binisti 4 dna moschettieri padel evento
Alain Henry, David e Christelle Mateo, Franck Binisti

Il primo si è svolto lo scorso agosto a Canet-en-Roussillon sulla spiaggia ed è stato un vero successo.

Quest'anno rinnoviamo l'avventura in una delle piazze più belle di Perpignan, per un GOLD FIP dal 22 al 26 giugno. Ad agosto sarà nuovamente la FIP RISE di Canet dal 24 al 28 agosto.

FIP GOLD PERPIGNAN Giugno 2022 - Copia

È una straordinaria avventura umana con un team di volontari appassionati in cui vengono messe in risalto le capacità di tutti. Cercheremo di progredire passo dopo passo per magari, chissà, organizzare un evento ancora più grande per promuovere e sviluppare il padel.

Franck Binisti

Franck Binisti scopre il padel al Club des Pyramides nel 2009 nella regione parigina. Da padel fa parte della sua vita. Lo vedi spesso in tournée in Francia per coprire i principali eventi di padel français.