Ma quanto lontano andrà Benjamin Tison? Questa è la domanda che possiamo porci oggi.

Infatti il ​​francese continua la sua ascesa all'interno del padel in tutto il mondo raggiungendo 62° posto nella classifica mondiale World Padel Tour. Per l'occasione abbiamo potuto parlare con lui e sentire i suoi sentimenti per questo nuovo balzo in avanti.

“Un grande orgoglio”

“Si potrebbe dire che è una rapida evoluzione, ma è principalmente dovuto al fatto che ho raggiunto sei tavoli finali. Abbiamo avuto un ottimo inizio di stagione con Teo fino a quando non ci siamo lasciati. È piuttosto eccezionale. Ciò che è difficile è mantenere questo ritmo lì perché i previa sono complicati. Attualmente ci sono tre giocatori previa che sono passati a 1/8, quindi andrò giù, ma possiamo ancora dire che sarei stato 62esimo (ride)."

"Scherzi a parte si è un grande orgoglio.

"Obiettivo tra i primi 50?"

“La Top 50, sì, sono ambizioso, voglio dire a me stesso. Sembra difficile raggiungerlo ma farò di tutto per questo. Parliamo di giocatori che hanno un grande livello, che sono giovani e si allenano ogni giorno, ma farò del mio meglio anche se so che sarà complicato.

“Incredibile che 5/6 francesi si stiano avvicinando alla Top 100”

"È vero che suono solo da sette anni padel di cui quattro senza aver preso lezioni, quindi è sicuro che se ci confrontiamo con gli spagnoli, non è molto. Quello che mi rende felice è che qualche anno fa ho visto giocatori molto giovani, 18 anni, che giocano fin dall'infanzia e che ora sono in previa. Sento di essere riuscito a seguire l'evoluzione e il progresso di questi giocatori.

Ecco perché mi fa sorridere quando vedo sui social che la gente dice che argentini e spagnoli sono lontani anni luce dai francesi. Lo vedo al contrario. In sette o otto anni siamo riusciti ad avere solo 5 o 6 francesi vicini al 100° posto nel mondo. Lo trovo incredibile. So che il pubblico tricolore è esigente ma è un'impresa che possiamo esistere. Trovo incredibile che siamo così vicini a loro."

“Ovviamente ci sono due o tre generazioni indietro e non pensare che negli anni a venire ci saranno i francesi nella Top 30. C'è un grande divario e il livello è solo in aumento e nei prossimi dieci anni questo sarà continua, sarà molto più difficile entrare nella Top 50. Oggi i giovani iniziano sempre molto presto nelle lezioni di padel e allenarti sempre di più fisicamente. È come il tennis vent'anni fa.

“Non ho rinnegato i miei valori”

“Non conosco la storia di tutti ma devo essere l'unico che, in così poco tempo, è riuscito ad entrare nella Top 70. Dopo devo ammettere che ci sono riuscito perché quando sono arrivato in Spagna era tutto ben organizzato grazie a Jérémy Scatena, ho avuto un grande allenatore diretto, nessun problema. Inoltre, ho avuto molto rapidamente un partner spagnolo che voleva giocare con me. Pochi lo sanno, ma alcuni giocatori sono costretti a pagare giocatori più forti per giocare con loro. Per me non è stato così ed è uno dei miei valori, per questo sono orgoglioso di me stesso e mi merito questo posto. Non ho rinnegato i miei valori”.

“Con Martin abbiamo un grande progetto e non mi arrendo”

“L'esordio con Martin è anche meglio di quanto pensassi in termini di livello di gioco in allenamento. Abbiamo battuto tutte le coppie contro cui giochiamo. Anche ieri abbiamo giocato contro giocatori classificati 50 siamo riusciti a sconfiggerli 6/3 – 6/3. Comunque sul ns prima partita in Portogallo abbiamo fatto una falsa partenza. Spero sia stata l'emozione di giocare insieme a farci perdere la partita, in condizioni di gioco difficili."

Martin Pineiro e Benjamin Tison

"Tuttavia, sono abbastanza fiducioso per il futuro. Abbiamo un grande progetto e non mi arrendo. Martin ha molta esperienza e mi insegna molte cose. Penso che mi farà progredire.
Inoltre è un'ottima persona fuori dal campo. Sono molto fortunato ogni volta, che sia con Teo prima o ora con Martin, ho sempre dei partner fantastici, con i quali vado d'accordo. Oltre all'avventura sportiva quando sono partito per la Spagna stavo cercando anche di vivere un'avventura umana. Non me ne pento affatto e ogni giorno mi avvicino ai migliori. Vivo cose molto belle in posti incredibili, spero che continui”.

Sebastien Carrasco

Fan di padel e di origine spagnola, il padel scorre nelle mie vene. Molto felice di condividere con voi la mia passione attraverso il riferimento mondiale di padel : Padel Magazine.