A Padel Magazine amiamo le grandi storie e gli incontri interessanti. Abbiamo avuto la fortuna di poter chattare per un momento con Cecilia Bacgalupo, pioniere di padel in Argentina dagli anni '1980.

L'ex campionessa del mondo e numero 1 è tornata per noi sui suoi esordi, sulla sua carriera e ha confidato nella sua visione del padel corrente.

Numero 1 da quasi 10 anni

Padel Magazine : Raccontaci dei tuoi inizi nel mondo di padel e come hai scoperto questo sport?

Cecilia Bacgalupo "Per farla breve, ho iniziato padel nel 1986 quando ero in vacanza a Punta del Este, Uruguay. C'era un campo sulla spiaggia dove stavo andando e sono stato invitato a provare questo sport. Ho pensato che fosse fantastico e ho pensato che fosse per me. Per tutta la vita ho giocato a tennis e soprattutto amo il doppio. Inoltre, mi è capitato di interpretare la pelota basca, cosa che mi ha permesso di familiarizzare con i muri.

Poi ho partecipato alla mia prima gara nella categoria maschile perché non c'erano abbastanza ragazze e con il mio compagno l'abbiamo vinta. Da quel giorno sono diventato il promotore del padel femminile al fianco di Adriana Costagliola. Mi sono messo in contatto con il presidente dell'associazione di Madrid ed è così che è stato organizzato il primo torneo femminile nel 1989.

Per me fin dall'inizio il padel era dedicato a tutti indistintamente. In Argentina giocavano tutti ed è dagli anni '1990 che il padel è esploso lì. Tanto che siamo stati in grado di contare fino a due milioni di praticanti contemporaneamente. Nascono sempre più tornei maschili e femminili. Era davvero uno sport per tutti. Tuttavia i prezzi così come i contratti con gli sponsor erano molto più vantaggiosi per i signori ma non è una novità e lo vediamo in quasi tutti gli sport.

PM: Raccontaci della tua evoluzione nel padel

CA: “Ho iniziato a dare lezioni padel, ero anche insegnante di educazione fisica ed ero membro dell'associazione di padel Argentina. Abbiamo così organizzato con altri insegnanti la prima gioventù mondiale. Nel 1989 abbiamo anche giocato e vinto i primissimi Master a Madrid con Adriana Costagliola e tre anni dopo ho vinto il Mondiale a Siviglia con China Mazzuchi. Nel 1994 abbiamo ripetuto l'impresa a Mendoza in Argentina con Adriana Costagliola e due anni dopo abbiamo ottenuto il terzo titolo mondiale nella capitale spagnola.

Sono stato il numero 1 per quasi 10 anni. Mi sono ritirata come giocatrice professionista quando sono rimasta incinta, ma sono rimasta molto attiva nello sviluppo del padel.

Dopo tutti questi anni ho deciso di creare una fondazione per le persone con disabilità intellettiva, in modo che possano praticare sport. Abbiamo iniziato con il padel e poi abbiamo aggiunto altre discipline come il calcio, il tennis, l'hockey o anche il basket".

PM: Perché il padel esplode ora e non prima?

CB: “Penso al fatto che il padel è diventato uno sport un po' più televisivo e pubblicizzato tramite i social network aiuta enormemente nel suo sviluppo. Inoltre, è uno sport piuttosto spettacolare e piacevole da guardare. I giochi sono un vero spettacolo. Per questo vorrei ringraziare tutte quelle persone che hanno aggiunto la loro piccola pietra all'edificio e che l'hanno realizzata padel essere ora dov'è oggi. Il mio sogno sarebbe che questa disciplina diventasse olimpica."

L'attributo alt di questa immagine è vuoto, il nome del file è Diego-Maradonna-et-Cecicila-Baccigalupo-1024x576.jpeg.
Diego Maradona e Cecilia Baccigalupo

Unitevi per armonizzare le regole

PM: Ti sei immaginato di vedere un giorno padel al Roland Garros?

CB: “Quando sono stato chiamato nel 1990 per sviluppare il padel in Francia, sono andato a Tolosa per un evento con giornalisti e atleti. La persona che mi ha contattato mi ha detto che se il padel decollato in Francia, un giorno lo avremmo visto al Roland-Garros. Trent'anni dopo ho avuto la fortuna di poter assistere al primo torneo al Roland-Garros ed è stato incredibile."

PM: Per te, cosa si è evoluto nel padel negli ultimi 20 anni?

CB: “Anche allora le regole erano diverse. Quando abbiamo giocato in Spagna o in Argentina alcuni punti delle regole potrebbero variare a seconda del paese, ad esempio il servizio. In Spagna i giocatori servivano all'altezza delle spalle mentre in Argentina non era così. Ma siamo riusciti a concordare tutti per armonizzare le regole.

Se poi prendiamo la parte fisica, i giocatori all'epoca erano meno preparati di adesso. Non hanno dato tanta importanza alla loro preparazione fisica come fanno oggi i giocatori professionisti. Aggiungiamo anche che all'epoca i praticanti commettevano più errori non forzati di adesso.

Le padel oggi è molto più tecnico e tattico con il viboras, bandejaso il "par3" che i giocatori riescono a recuperare fuori pista. Non avevamo un insegnante che ci insegnasse tutti questi aspetti.

Penso che ogni passo del padel è interessante e che l'evoluzione è positiva. Oggi possiamo assistere a partite meravigliose, tra gli uomini come tra le donne."

PM: Qual è la tua opinione sul boom in padel ma anche sui suoi lati più negativi come i conflitti tra i circuiti. C'erano già tensioni a livello istituzionale?

CB: “Ad essere onesto, sono molto felice di vedere il mio sport diventare una disciplina ben nota in tutto il mondo. Per quanto riguarda i conflitti ce ne sono sempre stati, ma credo sinceramente che dobbiamo unirci tutti tra giocatori, associazioni, circuiti per crescere insieme. È la migliore soluzione per lo sport."

PM: Che fai oggi?

CB: “Vivo in Argentina ma sviluppo la formazione in tutto il mondo. Quest'anno ad esempio sono stato a Milano e l'anno prossimo molto probabilmente sarò in Francia e Spagna. Mi piacerebbe molto viaggiare in altri paesi dove il padel cresce sempre di più come la Svezia o il Qatar. Sono appassionato e voglio poter trasmettere tutte le mie conoscenze e la mia esperienza a tutti questi nuovi giocatori, siano essi uomini, donne o bambini.

Ma ciò che mi farebbe piacere ancora di più sarebbe portare la mia conoscenza di padel a tutte le persone con disabilità affinché anche loro possano godersi il 20×10.

Vorrei anche aggiungere che apriremo una fondazione in Spagna e che effettueremo allenamenti e tornei con l'obiettivo di donare i fondi a questa associazione.

Instagram: Fondazione Bacigalupo

Sebastien Carrasco

Fan di padel e di origine spagnola, il padel scorre nelle mie vene. Molto felice di condividere con voi la mia passione attraverso il riferimento mondiale di padel : Padel Magazine.