Per la fine del 2022 e parte del prossimo anno, dovremo fare a meno di uno dei migliori giocatori francesi: Dorian de Meyer. Colpisci all'anca, il Grande giocatore Padel Mérignac decide di sospendere la sua stagione per risolvere un problema di salute.

Ci dice.

"Lo stesso infortunio di Andy Murray"

Padel Magazine (PM) - Hai un infortunio che ti costringe a lasciare il campo. Dicci.

Dorian de Meyer (DDM) – Cinque mesi fa, quando stavamo giocando il nostro primo torneo nel circuito internazionale con Thomas Vanbauce al FIP Star di Trani, ho sentito un forte dolore alla piega dell'inguine, sul lato destro. 

Quando sono tornato in Francia, mi è stato diagnosticato un conflitto all'anca, una grave patologia ossea dovuta a un difetto alla nascita che causa un'usura della cartilagine molto precoce (che è il mio caso). È una malattia che colpisce molti atleti di alto livello. Tra i più noti, Andy Murray che, dopo molteplici tentativi di chirurgia conservativa, si è ritrovato ad avere una protesi d'anca (è ancora il 43° giocatore al mondo).

Cinque mesi dopo, ho deciso di sottopormi a un intervento chirurgico per cercare di risolvere il problema. Il fatto di non essere stato preso per lo stage della squadra francese ha solo accelerato la mia decisione.

Dorian de Meyer

“Ho mentito alla mia squadra”

PM – Che impatto ha avuto questo dolore sulle tue partite? Chi lo sapeva?

MDD – Non avendomi mai fatto male prima, ho avuto difficoltà ad accettare di poter essere colpito da una tale patologia all'inizio e quindi mi sono rifiutato di affrontarla. 

Abbiamo deciso con il mio allenatore Jean-Thomas Peyrou di interrompere l'allenamento fisico perché pensavamo potesse essere la causa del dolore.

Ho continuato a giocare e siccome i dolori non sono passati, ho mentito alla mia squadra. Ho detto che non avevo più dolore da quando ho smesso di allenarmi e che potevo giocare.

La realtà è che i dolori erano sempre presenti, non si fermavano mai. A volte ho avuto meno dolore (senza una spiegazione razionale) ea volte sono tornati molto forte. Era molto ciclico.

Ho stretto i denti in molte partite da quando… Non è pensabile giustificare le nostre recenti sconfitte con questi dolori, ma sicuramente ha giocato un ruolo. Mi sono reso conto che anche se i miei movimenti non ne risentivano, il dolore raggiungeva la mia mente e la mia lucidità. Di recente Thomas non mi ha riconosciuto sui miei valori sportivi come lo spirito combattivo in campo, tendevo a "lasciarmi andare" quando le partite diventavano difficili e prima sarebbe stato impensabile.

Dorian de Meyer

“Potrei avere il mio posto”

PM – Ci dici in anteprima che non sei stato preso per lo stage esteso del Team France, a differenza del tuo compagno. Come hai preso la notizia?

MDD – È complicato, quello che posso dire è che non mi sento meno forte (né più forte) di alcuni giocatori che sono stati presi. Penso che potrei anche avere il mio posto. Ma i nostri ultimi risultati non sono stati all'altezza del nostro livello e quindi la decisione è comprensibile e di per sé giustificata.

Inevitabilmente, vedo un'ingiustizia nel fatto che Thomas è lì e non io perché abbiamo iniziato il padel insieme, siamo passati da "non classificato" al 10° posto in Francia insieme per cinque anni e tutti i nostri migliori risultati li abbiamo ottenuti come squadra.

Ma accetto la decisione, ho spinto l'anca pensando di essere stato catturato al campo, finalmente ho deciso di interrompere la mia stagione ora e ottenere un trattamento di emergenza.

L'obiettivo è tornare il prima possibile, sviluppare il mio gioco, guadagnare in aggressività per poter integrare il gruppo nel lungo periodo. 

Abbiamo parlato molto con Thomas e JT e per il mio bene e per ottimizzare il mio ritorno il più rapidamente possibile, abbiamo deciso di non giocare i campionati francesi o l'ultimo P2000. 

meyer vanbauce

PM – Alla fine, forse è un'occasione per recuperare la salute e anche tornare potenzialmente più forti?

MDD – È esattamente come vedo le cose. Possiamo dire che tutto era allineato per farmi operare: il non essere portato al campo e il fatto che siamo a fine stagione.

Non so se sarò più forte ma quello che è certo è che farò il possibile per tornare il prima possibile e cercare di essere migliore.

Fare un passo indietro sul mio gioco, sulle mie qualità, sui miei difetti, questo è ciò che detterà la mia vita quotidiana per i prossimi 6-8 mesi. 

Voglio davvero mettere questo “stop” al servizio della mia squadra. In particolare intensificherò il mio lavoro con il nostro mental trainer, ne ho davvero bisogno.

peyrou meyer vanbauce

PM – È la fine di “Tello / Chingotto” francese ?

MDD – Non dubito per un secondo che Thomas riuscirà a giocare senza di me.

Thomas è un giocatore brillante, con qualità eccezionali e senza di lui non avrei mai raggiunto questo livello. Quindi troverà (molto) facilmente qualcuno che mi sostituisca durante la mia convalescenza, non mi preoccupo.

Tuttavia, abbiamo parlato a lungo e non si tratta di separarci. 

Abbiamo iniziato insieme questo progetto per l'avventura umana ed è questo che ci fa vibrare. Conta su di me per intensificare la mia riabilitazione da sportivo professionista e ho intenzione di dimostrargli che voglio tornare.

Ho anche intenzione di integrare il CERS (European Center for Sports Rehabilitation) di Cape Breton per essere circondato da professionisti specializzati in atleti di alto livello e poter così beneficiare del miglior quadro possibile per tornare al 100% e non appena possibile.

Se la mia guarigione va male o se uno o due anni dopo il mio rientro i risultati non ci sono, valuteremo di prendere delle buone decisioni ma per il momento non è in discussione, è ancora solo l'inizio dei francesi Tello/Chingotto (ride).

[Operato con successo venerdì, Dorian sta ora iniziando la sua convalescenza.]

Franck Binisti

Franck Binisti scopre il padel al Club des Pyramides nel 2009 nella regione parigina. Da padel fa parte della sua vita. Lo vedi spesso in tournée in Francia per coprire i principali eventi di padel français.