Un mese dopo la decisione di Fabrice Pastor di "interrompere qualsiasi attività direttamente o indirettamente correlata al padel“, Il presidente di Monte Carlo International Sports va dietro le quinte tra lui, i giocatori e il World Padel Tour. Spiega le ragioni che lo hanno portato a ritirarsi dal mondo di padel.

Non ho niente da nascondere. Ti dirò esattamente cosa è successo. Tutto è reale.

Cosa dire dopo questa disillusione?

È terribile dirlo, ma dobbiamo fare i conti con una vera mafia. Non possiamo dire nulla, non fare nulla, proporre nulla. Il World Padel Tour così come è stato costruito è abbastanza per il proprietario. Certamente, questo circuito ne beneficia solo alcuni.

Volevo creare una vera rivoluzione nel mondo professionale del padel ed estendere a anteprime e preprevie alcuni vantaggi proposti solo dalla tabella principale.

L'idea era di limitare la perdita finanziaria per i migliori giocatori di 80 in tutto il mondo. Naturalmente, avevo rivalutato le dotazioni dei circuiti, fornito garanzie su ciascuno dei passi che proporremmo. Abbiamo aperto il circuito ai giocatori lontani dal mondo 10. L'idea era anche quella di collegare le Federazioni al circuito professionale.

Perché anche lì, in un modo piuttosto strano, il World Padel Tour conduce la sua vita senza rendere conto a nessuno, e nemmeno alle diverse federazioni. Questo non è normale e volevo romperlo.

Nel mondo di Padel, molti rimpiangono che il World Padel Tour e MCIS non provino insieme a unirsi e unire il loro potere. Davvero non è stato possibile?

Volevo farlo. Ci sono anni 4 / 5 con il proprietario del circuito WPT, gli ho offerto di unirsi a noi e iniettare 20 milioni di euro ciascuno per costruire un circuito professionale eccezionale, perché il World Padel Tour è un circuito che penso è ancora troppo dilettante in qualche modo e troppo concentrato sulla Spagna .. La risposta, lo sai. Rifiuto del proprietario del circuito.

Estrella Damm rifiuta la proposta, ritenendo che ciò che stanno facendo sia già abbastanza.

Avrei potuto diventare un leader del World Padel Tour. Ero pronto a provare a dare il mio contributo all'edificio.

Ma poi lo sai.

L'idea di offrire un circuito veramente professionale, con una dotazione molto più ampia di quella che conosciamo oggi, internazionalizzando il circuito troppo focalizzato su se stesso, tutti dovevano vincere e soprattutto il padel.

Tuttavia, non siamo mai stati in grado di andare oltre con il World Padel Tour. L'idea stessa di fare qualcosa di grande insieme è stata spazzata via dal circuito.

Cosa avrebbe dovuto fare il World Padel Tour?

Penso, senza falsa modestia, che il World Padel Tour avrebbe dovuto fare un gesto, aprirsi. Potrei portare non solo mezzi finanziari, ma anche aperture internazionali che desideravo per questo sport.

Svelando il concetto dell'International Padel Tour, puoi vedere quanto volevamo internazionalizzare il padel.

Le World Padel Tour è associata a una birra: La Estrella Damm. L'idea era di uscire da questo circuito limitato a livello internazionale solo perché lo sponsor principale è un marchio di birra. C'era tutto da guadagnare dal deliziare nuovi mercati e nuovi partner diluendo un marchio che non è necessariamente il benvenuto in tutto il mondo.

In alcuni paesi, come la Francia, ad esempio con la legge Evin o nei paesi musulmani, come promuovere un circuito professionale dove lo sponsor principale è un marchio di alcolici. E anche nei paesi in cui è consentito, la politica nazionale tende a limitare la pubblicità di alcolici.

A capo del World Padel Tour, abbiamo principalmente un proprietario di birra il cui unico interesse è lo sviluppo della sua birra e non quello del padel. È triste Ciò che è ancora più importante è che i giocatori lo sappiano e che abbiano l'opportunità di fare qualcosa per loro, ma anche per il padel. E conosciamo il resto.

Questa non è un'opinione, sono un appassionato che afferma fatti molto semplici e ha una visione internazionale.

Il padel era molto costoso?

Ancora più di quanto immagini. Mi è costato finanziariamente e umanamente. La passione di questo sport mi ha fatto fare cose che nessun marchio sul mercato era pronto a fare. Sono anni 6 che combatto per questo sport. Ho speso diversi milioni di euro. Solo l'anno scorso, nel padel sono stati spesi oltre 5 milioni di euro. Ho costruito circuiti, sponsorizzato giocatori, aiutato anche i giocatori e ottenuto molte altre cose perché penso che il bene del padel. E sono stato ringraziato nel peggiore dei modi: tradimento.

Mi sono reso conto che l'ambiente professionale è profondamente malsano. È cancrena da alcune persone che non vogliono che cambi.

Ma il meno ovvio per me sono le delusioni. Alcuni giocatori, che mi hanno semplicemente tradito e che hanno restituito la giacca durante la notte.

C'è un momento in cui devi dire basta. Sì, sono appassionato. Ho fatto un sacco di cose e lavorato molto per cercare di tirare fuori un progetto interessante per tutti e soprattutto per il padel. Ma in cambio, gli interessi illusori di alcuni giocatori hanno fatto pendere la bilancia.

Parli di giocatori che ti hanno deluso, quali?

Innanzitutto credo che alcuni giocatori come Chingotto, Belluati, Poggi e altri del team MCIS abbiano sbagliato. Moyano / Capra hanno tradito l'MCIS. Ma posso anche capire la pressione che potrebbe esserci per tutti questi giocatori.

L'altro errore è questa associazione di giocatori da padel che è impostato. Un gruppo che si è formato e che ha mescolato tutti i tipi di giocatori con un avvocato che avrebbe dovuto rappresentare questo gruppo. Dico "supposto" ...

Alla radice del problema, non è che i giocatori si riuniscano, ma sono tutte le varietà di giocatori che c'erano in questo gruppo: l'interesse di un top 10 non è necessariamente quello di un giocatore tra i primi 80. Altri giocatori sono collegati a marchi e altri no. Altri giocano solo il tabellone principale, mentre altri giocatori combattono dai preprevias.

E questi giocatori, lontani nelle classifiche, fanno parte di un sistema in cui non hanno diritti e che fanno i compiti. È normale da parte tua?

Il mondo della pagaia professionale ha avuto l'opportunità di intraprendere un circuito molto più equilibrato a tutti i livelli.

I più grandi perdenti sono tutti questi giocatori. Continueranno a criticare questo circuito professionale mentre c'era un'alternativa. Peccato per loro.

L'International Padel Tour aveva tutto da sedurre, giusto? Perché i giocatori hanno detto di no?

Sulla carta, abbiamo proposto molti progressi per i giocatori. Ma stranamente, siamo stati attaccati su elementi piuttosto minori.

Per contratto, volevamo che in caso di controversia i tribunali di Monaco fossero competenti. I giocatori volevano i tribunali di Madrid. Abbiamo quindi ammesso per i tribunali svizzeri.

Ogni torneo è stato garantito finanziariamente. E abbiamo cercato di far credere che non fosse così. Abbiamo offerto 20 tornei in 11 paesi diversi, 11 dei quali erano già garantiti.

E poi, non mentiremo, alcuni giocatori hanno giocato diverse partite e hanno utilizzato le proposte di MCIS per aumentare l'asta dall'altra parte. Tutto ciò era particolarmente malsano.

Finalmente il gruppo di giocatori che hai lasciato fuori dal gioco?

I giocatori hanno sicuramente preso una decisione sfortunata per loro all'inizio.

Hanno frenato la crescita del padel professionale in senso lato. Ai giocatori è stato permesso di ottenere rimborsi, prezzi preferenziali su cibo / hotel / menu sportivi.

Ho visto molte coppie in previe o preprevie rimpiangere la regolamentazione troppo rigida del World Padel Tour. Per evitare infortuni e giorni troppo fisicamente complicati, abbiamo proposto di fare solo una partita al giorno. Immagina la difficoltà per alcune coppie meritevoli di raggiungere il pareggio principale dopo le innumerevoli partite fatte durante le qualifiche.

È uno sport creato per il primo 10. Tutti gli altri sono stati dimenticati.

Volevo porre fine a tutto questo senza andare in guerra con Estrella Damm. Volevo, ad esempio, che l'associazione dei giocatori che volevo creare fosse proprietaria con 15% dell'IPT. Era un'offerta imbattibile. A seconda dei numeri, l'associazione potrebbe quindi beneficiare delle entrate finanziarie dell'IPT. Era vincere - vincere.

Ho avuto difficoltà a capire cosa è successo per portarci lì.

Quindi questa è sicuramente la fine?

Prima di tutto per me, l'MCIS, la Fabrice Pastor Cup e tutte le sponsorizzazioni di competizioni o giocatori, è finita. Mi ritiro totalmente da questo mondo.

Penso che i giocatori non abbiano fatto la differenza. Avevano libertà, dotazioni superiori, una visione internazionale e molto professionale, nuovi partner e molti altri vantaggi. Tra le altre cose, avevano una persona appassionata, pronta a investire umanamente e finanziariamente nel padel. Penso di averlo dimostrato in tutti questi anni e di non meritare un simile trattamento.

Ma i tradimenti mi hanno profondamente colpito e quindi indirettamente la mia famiglia e i miei cari. Ho dato molto su tutti i piani e ho sempre detto che se un giorno non volessi più di me, andrò in pensione. Purtroppo è arrivato questo momento.

Intervista di Franck Binisti

Franck Binisti

Franck Binisti scopre il padel al Pyramid Club di 2009 nella regione di Parigi. Da allora il padel fa parte della sua vita. Lo vedi spesso in tournée in Francia andando a coprire i grandi eventi di paddle francesi.