Se c'è un marchio che non ha più bisogno di essere presentato nel mondo di padel, è davvero Varlion. Molto presente in America Latina e in Europa, riscuote molto successo da molti anni e non intende fermarsi qui.

Mentre poche settimane fa si è svolto il primo Open di padel in Francia, a Tolosa, il marchio Varlion, che ha presentato la pala ufficiale del concorso, era ovviamente presente vicino al Palais des Sports André Brouat. È stata un'occasione per parlare per un momento Felice Regalia, il suo fondatore e amministratore delegato.

Un po 'di storia

Sempre integrato nel panorama della padel professionista, Varlion sta attualmente collaborando con grandi giocatori come Miguel Yanguas, Veronica Virseda, Barbara Las Heras, Jessica Castello o il nostro francese Thomas Leygue. In precedenza erano anche grandi nomi della disciplina a rappresentare il marchio nella 20×10 come ad esempio Pablo Lima o Carolina Navarro.

Thomas Leygue Premier Padel Qatar Major 2022

Fondato in Argentina nel 1993, il famoso marchio ha debuttato a Buenos Aires. Due anni dopo nasce la prima pala, immaginata e disegnata dal suo fondatore ed è da quel momento che inizia davvero l'avventura per il marchio, con la commercializzazione di questa pala in Spagna e Sud America. Ma lasciamo che il principale interessato ci racconti questa bellissima storia.

“Mi chiamo Felix Regalia, sono argentino e ho creato il marchio Varlion nel 1993. Sono un avvocato e quando ho iniziato in questa avventura non avevo alcun legame con il padel. Ho iniziato a trovare la mia vocazione nel design del prodotto, ecco perché abbiamo deciso di progettare i nostri articoli. Questa scelta è stata pensata con l'obiettivo di vendere un prodotto esclusivo e diverso da quello offerto dalla concorrenza.".

“Il monopolio più lungo nella storia del padel"

“Abbiamo iniziato nel 1993 e dal 1995 abbiamo iniziato ad esportare i nostri prodotti a livello internazionale, ad esempio in Brasile o in Spagna. Nel 1999 abbiamo deciso di trasferire le nostre strutture dall'Argentina alla Spagna. Abbiamo così creato una prima fabbrica.

Nel 2001/2002, Varlion è diventata leader di mercato nell'innovazione e nella qualità dei prodotti. Siamo riusciti a mantenere questa leadership anche nel settore commerciale fino al 2014. Questo monopolio è chiaramente il più lungo nella storia della padel.

Nel 2017, per vari motivi, siamo stati costretti a chiudere diversi stabilimenti in Spagna. La produzione è stata trasferita in Sud America con l'obiettivo di esportare i nostri articoli all'interno del Mercosur (Brasile, Argentina, Messico, Cile, ecc.) per combattere l'attuale protezionismo.

Poi è arrivato il Covid-19 e abbiamo dovuto rivedere la nostra strategia chiudendo la nostra fabbrica in America Latina per tornare in Spagna. Allo stesso modo, da diversi anni cerchiamo in qualche modo di insegnare alle aziende con sede in Asia a produrre i nostri pala secondo i criteri indicati nelle nostre specifiche, ma purtroppo per il momento non siamo stati in grado di farlo. Quindi preferiamo continuare a produrli noi stessi, almeno tutti i cosiddetti prodotti premium.

“Potevamo vedere che prima nel 2015 i mercati latinoamericani e spagnoli erano diversi. Ma da allora il padel si è sviluppato ad “alta velocità”, non solo in Argentina o Brasile, ma anche in paesi come Messico, Cile o Ecuador che non hanno una politica protezionistica così dura come altri stati. Ciò ha semplificato l'importazione di determinati prodotti. Ora è comune e più facile poter implementare le nostre gamme tramite distributori locali, per Varlion come per tutti gli altri marchi. La globalizzazione dello sport ha permesso questo cambio di situazione”.

“Vogliamo tornare a essere leader di mercato”

“Quando ci siamo stabiliti in America Latina, abbiamo ceduto la distribuzione dei nostri prodotti in Spagna. Questa decisione ci ha penalizzato pesantemente perché a poco a poco stavamo perdendo peso sul mercato. Per un certo periodo c'è stata una guerra dei prezzi tra distributori e un modo marginale di vendere. È per questo motivo che abbiamo deciso di non vendere più in Spagna e in Europa per due anni. È stata una scelta molto difficile e una decisione pesante, ma era necessario uscire da questa spirale di corruzione commerciale che esisteva all'epoca.

Da gennaio 2021 le cose sono cambiate e piano piano abbiamo riaperto i mercati in Europa creando i nostri canali di vendita. La nostra unità con sede a Madrid progetta i prodotti e li distribuisce in Spagna, Portogallo, Francia e Italia. Un altro nei Paesi Bassi, ad Amsterdam, contribuisce allo sviluppo del marchio nel nord Europa. Per quanto riguarda l'America lavoriamo con distributori indipendenti conosciuti e testati.

Il nostro obiettivo principale è recuperare la nostra posizione di leadership nel mercato, che abbiamo perso alcuni anni fa tornando più forti, con team commerciali più forti entro la fine del 2024″.

“Oggi è più difficile da sviluppare”

“Per quanto riguarda i prodotti premium, avevamo una quota di mercato di poco superiore al 50% e per altri articoli della gamma, come tessuti o scarpe, di circa il 35-40%. Il nostro concorrente più vicino deteneva una quota di mercato del 10-15%.

Oggi stiamo recuperando queste quote di mercato nel settore della distribuzione ma riteniamo di aver perso oltre l'80% durante la nostra assenza. Per questo possiamo dire di avere un potenziale di crescita enorme, indipendentemente dal mercato mondiale, anch'esso notevolmente evoluto. Solo che oggi è più difficile da sviluppare. In effetti, prima il mercato dominante era lo spagnolo, ma ora la situazione è cambiata. La distribuzione avviene a livello internazionale. Alcuni brand che vengono dal tennis hanno già una rete distributiva commerciale ben organizzata e per un brand che deve mettere tutto a posto dall'inizio le cose si fanno più lentamente”.

"È molto probabile che Varlion entri nel tennis"

Pensiamo che oggi i marchi di tennis riescano a uscire dal gioco perché sono già affermati. È un handicap che ci portiamo dietro ma che cercheremo di minimizzare trovando le soluzioni più adeguate. Vogliamo consolidare la nostra presenza attraverso la nostra rete in paesi con un forte potenziale come Francia, Italia, Spagna e Scandinavia. Dopo, è vero che stiamo perdendo opportunità anche in altri mercati come il Sud Africa o il Giappone..

“Tennis e padel sono più vicini ogni giorno e sono felice di vederlo. Le federazioni di tennis di molti paesi promuovono il padel come qui in Francia. E da un punto di vista strategico, è molto probabile che Varlion entri nel mercato del tennis. Questo ci permetterebbe di fare un grande passo avanti nella vendita dei nostri prodotti perché quando il padel arriverà negli Stati Uniti, in Giappone o in Cina, il marchio sarà distribuito e conosciuto nel suo insieme attraverso il tennis e padel.

“Il Medio Oriente ha un grande potenziale”

“In Europa possiamo vedere che ci sono due tipi di mercati.

Innanzitutto i mercati cosiddetti “consolidati”, cioè ad alto potenziale e già ben sviluppati. E poi arrivano quelli che hanno un grande potenziale ma sono in fase di crescita. La Spagna è il mercato più importante al mondo ed è riuscita a recuperare un buon slancio post-Covid. In questa stessa situazione non troverai nessun altro paese. Poi arriva la Svezia, che è un mercato ben sviluppato che ha conosciuto un incredibile boom dopo la pandemia in termini di offerte (terreni, attrezzature, ecc.)

E poi troviamo paesi con un grande potenziale ma ancora in fase di sviluppo, come Italia, Francia, Norvegia e Danimarca. Idem per il mercato latinoamericano. Questo si rinnova rapidamente. In Argentina, le tracce di padel si stanno rinnovando e, nonostante una pessima situazione economica, siamo certi che il padel esploderà ancora di più nei prossimi anni.
Questo boom si diffonderà in tutto il continente sudamericano come Panama, Cile o Uruguay.

“L'Inghilterra e la Germania sono paesi molto importanti che vedono il padel crescere sempre di più in loro. Se qualcuno mi chiede quali sono i paesi in cui il padel deve finalizzare il suo ingresso, direi questi due oltre a Francia, Italia e Scandinavia. Ad oggi, questi sono i mercati più vivaci. Se lasciamo per un attimo l'Europa per oltrepassare i confini direi i paesi del Medio Oriente come il Kuwait, l'Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti e ovviamente il Qatar. Per Varlion questa è un'opportunità importante vista l'alta qualità dei prodotti che progettiamo ma per il momento restiamo pazienti perché non vogliamo cadere nella trappola di avere cattivi distributori in loco. Questo potrebbe essere dannoso per il marchio.

“Abbiamo fiducia nel padel francese"

“La Francia dimostra ogni giorno che il padel è sulla buona strada per diventare uno sport di riferimento.

Pensiamo grazie a questo Umano francese Padel o anche grazie al grande incontro al Roland-Garros organizzato da Premier Padel e con il sostegno della Federazione francese di tennis che il padel crescerà più velocemente. Siamo qui come sponsor ufficiale dell'evento perché crediamo nel padel français. Pensiamo addirittura che potrebbe essere la prossima sorpresa nel mercato europeo ! "

Sebastien Carrasco

Fan di padel e di origine spagnola, il padel scorre nelle mie vene. Molto felice di condividere con voi la mia passione attraverso il riferimento mondiale di padel : Padel Magazine.