L'idea che essere un atleta di alto livello sia una vita paradisiaca, unendo lavoro-passione, soggiorni in destinazioni da sogno, hotel di lusso, soldi facili e personale premuroso è un cliché che ha vissuto.

Non mancano le testimonianze degli atleti per descrivere il ritmo infernale a cui sono sottoposti gli atleti, il susseguirsi inquieto delle gare, il rischio di infortuni o la costante pressione dei risultati. Ciò è particolarmente vero dal 2022 nel campo della padel, soprattutto sul circuito maschile fin dalla guerra tra i World Padel Tour et Premier Padel ha riempito il calendario con ben 34 gare che si susseguono a un ritmo demoniaco.

Peggio ancora, nel 2023, il WPT intende organizzare non meno di 27 eventi – in teoria obbligatori per i giocatori sotto contratto. A queste 27 settimane, vanno aggiunte altre dieci per i tornei di categoria 1 di Premier Padel ; e il circuito FIP prevede di aumentare, con circa 25 eventi nel 2024.

Se contiamo i campionati del mondo e altri campionati nazionali, ce n'è abbastanza per far traboccare la coppa e mettere sulle rotule qualsiasi giocatore.

Sanyo: “Soffriamo troppo”

“Stiamo mettendo a repentaglio la nostra carriera sportiva”, ha avvertito Sanyo Gutiérrez a novembre in un'intervista esclusiva che ha rilasciato a Padel Magazine. “Stiamo soffrendo troppo e se continua così le carriere si accorceranno o potrebbero capitare infortuni anche gravi”, ha avvertito il 38enne argentino.

Sanyo Tapia vittoria in semifinale WPT Valencia Open
Sanyo Gutiérrez ha avvertito della sofferenza che stanno attraversando i giocatori.

Anche giocatori molto più giovani hanno lanciato l'allarme nel 2022. Lo scorso luglio, Martin Di Nenno ci ha raccontato della sua stanchezza mentale : “Diventa difficile, soprattutto quando perdi molti quarti di finale. A volte il lunedì non voglio necessariamente vedere Paco, e nemmeno lui, ma dobbiamo ancora allenarci. Ci sono coppie che supportano meglio il ritmo alto dei tornei, e noi meno bene. Siamo molto sensibili e trasparenti, e ci sono giorni in cui non vogliamo stare insieme".

Una stanchezza quella del 25enne argentino confermato ai nostri colleghi di Olé quando si separano da Paquito Navarro in ottobre: "Sentivo che Paco non aveva la stessa energia che a volte e spero che cambiare partner gli dia quella carica di motivazione".

Potremmo ancora citare Alvaro Cepero, che di recente ha raccontato di come ha dovuto concatenare inesorabilmente un torneo in Messico e poi un altro in Egitto, con otto ore di aereo e sei ore di macchina tra i due.

Tennis e stanchezza mentale

Ma i giocatori di padel non avere esclusività quando si tratta di esaurimento fisico e surriscaldamento mentale. Il nostro nazionale Benoît Paire è l'illustrazione vivente della stanchezza che attende i tennisti. I suoi freakout possono divertire i social network, ma soprattutto sono un segno piuttosto preoccupante di una depressione in agguato e del suo modo di scongiurarla.

L'australiano Nick Kyrgios è un altro esempio di giocatore di incredibile talento, i cui nervi scoperti e la mente friabile ostacolano la carriera, guadagnandosi multe regolari e persino una frase per seguire l'assistenza psicologica.

Tra le donne, la giapponese Naomi Osaka ha rotto il tabù della salute mentale nel 2021. L'ex numero 1 del mondo, che ha vinto quattro titoli nel Grand Chelem, è scesa al 42° posto nel 2022, prima di rimanere incinta e abbandonare il tennis nel 2023. Un'altra numero 1 mentalmente esausta, l'australiana Ashleigh Barty, ha concluso la sua carriera prematuramente lo scorso marzo, a soli 25 anni.

“Lo sport, una sfida cognitiva”

È proprio in Australia che la ricerca è all'avanguardia sulla questione della fatica mentale, riferisce a Articolo settimanale di Canberra. il La dottoressa Suzy Russel, ricercatore presso l'Australian Catholic University di Brisbane (ACU), studia l'affaticamento mentale e il recupero mentale nello sport ad alte prestazioni. Ai suoi occhi, “Lo sport è per natura una sfida cognitiva. Gli impegni con i media, gli impegni di lavoro, le attività ripetitive, l'eccessiva analisi, le trattative contrattuali, l'impatto dei viaggi e gli ambienti non familiari sono stati identificati come cause di affaticamento mentale.

Una delle conseguenze evidenziate per i tennisti, ma anche quelle di padel o il tennis da tavolo è una diminuzione della velocità della palla e un aumento dei tempi di reazione, correlati ai cambiamenti nell'attività cerebrale.

Per risolvere questo problema, il lavoro del Dr. Russell mira a sviluppare vari metodi di allenamento per sviluppare una maggiore tolleranza e resistenza alla fatica mentale. Dopo l'allenatore, i preparatori fisici e mentali, i numeri 1 di domani dovranno ricorrere alle neuroscienze?

Dopo 40 anni di tennis, Jérôme cade nel piatto del padel nel 2018. Da allora ci pensa tutte le mattine mentre si rade… ma non si rade mai il pala in mano! Giornalista in Alsazia, non ha altra ambizione che condividere la sua passione con te, che tu parli francese, italiano, spagnolo o inglese.