Nel tennis l'illustrazione perfetta della donna di successo per il suo fisico e non per le sue esibizioni, anche se era promettente, è la tennista russa Anna Kournikova. Ne avrà più parlato con la sua plastica vantaggiosa in quindici anni, che con le sue prestazioni sportive.

Anche se all'inizio della sua carriera raggiunge le semifinali di Wimbledon in 1997 a soli 16 anni, e realizza gli exploit di battere Martina Hingis e Steffi Graf, finisce per farsi male al pollice. Da lì sentiamo di più su di lei solo per le sue affascinanti foto, campagne pubblicitarie e apparizioni sui televisori. Anna Kournikova è riuscita a segnare il tennis non per le sue esibizioni, dal momento che non ha mai vinto un torneo importante, ma per la sua capacità di vincere contratti pubblicitari e occupare un posto di primo piano nei media.

In effetti, su 11 milioni di dollari di entrate che ha percepito in 1999 secondo la rivista Forbes, meno del 7% delle sue entrate proveniva dal tennis. Il resto, 10,25 milioni, proveniva da contratti di sponsorizzazione che andavano dall'Adidas al marchio di biancheria britannico Berlei. Come scrive la giornalista sportiva Yannick Cochennec, "Lo sport femminile ha perso molto con Anna Kournikova. Ciò che ha guadagnato in visibilità, ha dato in credibilità (...) La glorificazione della bellezza è diventata la norma, riducendo la donna a un mero oggetto di desiderio per la popolazione maschile. Ha permesso ai tennisti e ai giocatori delle donne di ottenere sempre più sponsor, ma questo a scapito della loro considerazione come sportiva.

Grazie a lei, l'interesse per il tennis femminile e le giocatrici sta crescendo, ma non per le giuste ragioni. In effetti le donne non sono considerate allo stesso modo degli uomini, vale a dire per i loro risultati sportivi ma piuttosto per la loro plastica e la loro bellezza. Oggi l'immagine della sportiva che i media e gli sponsor promuovono maggiormente è quella di un "modello" e non quella di una donna con grandi muscoli. L'immagine della donna sportiva è ridotta a quel livello. Ed è questa immagine che attira il pubblico. Sfortunatamente, gli sportivi più meritevoli in termini di risultati hanno più difficoltà a ottenere contratti pubblicitari, rispetto a quelli che hanno una plastica vantaggiosa e che trascorrono più tempo in posa nudi o in piccoli abiti nelle riviste o nelle campagne pubblicitarie. che sui campi sportivi.

Inoltre, le donne sportive con un fisico atletico, con muscoli grandi, vengono spesso screditate anche prima che le loro prestazioni vengano studiate. La giornalista Yannick Cochennec ritiene che "Kournikova ha cambiato il modo in cui vende il circuito femminile di tennis WTA: l'ha reso glamour" e

"È un po 'triste arrivare qui, soprattutto perché ora tutti sono impegnati in questo campo." Il problema è che questo è ciò che attira il pubblico, le esibizioni sportive di queste donne non sono apparentemente sufficienti per suscitare l'interesse degli spettatori e dei telespettatori. Nella società attuale vendere un evento sportivo femminile attraverso l'uso di attributi glamour e sexy è diventato comune, è quasi diventato uno "standard".

Oltre alla mediatizzazione dei giocatori è necessario specificare che in Francia la trasmissione televisiva del tennis femminile è minima. A parte Roland Garros e la Fed Cup che sono sui canali pubblici, non c'è nient'altro. Perfino Beinsports, che possiede i diritti televisivi della maggior parte dei tornei maschili, non ha nessuno sul tennis femminile.

Nicolas Zebbar

Laureato in Master in gestione dello sport e appassionato di tennis, ho svolto uno studio sullo sviluppo del tennis femminile. Praticare questo sport da vent'anni e ora leader del mio club (TC Morlaàs nei Pirenei atlantici), sono sempre alla ricerca di nuove idee volte a migliorare l'ambiente di pratica per i soci. Sono quindi felice di poter condividere questo lavoro.