L'anno 2022 ha confermato l'entusiasmo della Francia per padel. È il caso del numero dei tesserati (25 lo scorso settembre) e del numero degli sprovvisti, che potrebbe raggiungere i 000, secondo le stime più generose. Il numero di campi supera le 500 tracce di padel referenziato FFT, mentre il sito Padelonomica elenca 1464, di cui 259 creati nel 2022.

Nonostante queste buone cifre, la Francia non è il paese europeo dove il padel è il più dinamico. Per non parlare della culla spagnola, dove il numero di praticanti sfiora i 4 milioni, paesi come Italia, Belgio e Svezia stanno assistendo a un boom senza precedenti di pratica in campo sportivo. Le infrastrutture sono più numerose lì che in Francia, così come il numero di giocatori, rispetto alla popolazione di ciascun paese.

Inoltre, in questi paesi è generalmente più facile seguire i corsi padel e questo per molte ragioni. Uno di questi è che ci vogliono grandi club per dedicare almeno un brano all'insegnamento. “Oggi in Francia ci sono solo un centinaio di circoli che hanno quattro piazzole o più e quindi la possibilità di accogliere un insegnante di padel tempo pieno", osserva Romain Taupin, il creatore di Padelonomica, lui stesso allenatore di padel formata in Spagna.

Una situazione paradossale

Lo stato dell'istruzione a padel in Francia è a dir poco paradossale. Da un lato, abbiamo migliaia di istruttori di tennis in possesso di un certificato statale o di un diploma statale per la gioventù, l'educazione popolare e lo sport (DEJEPS) che menzionano il tennis. Questi hanno il diritto di insegnare il padel e la possibilità di conseguire in una settimana e 40 ore di formazione un diploma federale di monitore di padel (DFMP).

Pochi però sono gli istruttori di tennis che scommettono sul padel : la maggioranza è troppo impegnata con le lezioni di tennis, alcuni non sono motivati ​​dal padel o scoprire che pochi club hanno abbastanza per sostenerli attraverso questo insegnamento. Un altro ostacolo: i grandi club in Francia sono società private a scopo di lucro, mentre gli insegnanti di tennis lavorano il più delle volte in club associativi, a volte come dipendenti.

A queste osservazioni, Romain Taupin ne aggiunge un'altra, riguardante il nuovo TFP (Titolo professionale), un diploma 100% padel, che prevede 240 ore di formazione (costo 4500 euro) ripartite in 4-6 mesi: “Quelli che passano la TFP padel ingrossare le fila di coloro che si candidano per lavorare nelle centinaia di club abbastanza grandi da avere un insegnante. Tuttavia, nella dozzina di campionati francesi (su 18) in cui esiste questo TPF, ogni anno vengono formati più insegnanti rispetto al numero di grandi club creati in un anno. Questo porta quindi ad un surplus di insegnanti, che non potrà che aumentare nei prossimi anni, perché la crescita del padel in Francia si fa per lo più con piccoli club”.

Come abbiamo detto, Romain Taupin si è formato a Barcellona, ​​​​nell'accademia di Pablo Ayma, l'attuale allenatore della squadra maschile francese. Ma il suo diploma spagnolo non lo autorizza ad insegnare in Francia, per mancanza di equipollenza. Peccato, perché ne avrebbe le capacità, come dimostra Tutorial canale Youtube. E nei tanti campionati francesi dove la TFP non è ancora offerta, mancano gli insegnanti di padel.

Devi essere troppo qualificato per addestrare i principianti

Tocchiamo qui un altro paradosso dell'educazione in Francia, dove bisogna essere troppo qualificati anche per mostrare i rudimenti di padel ai principianti.

Altrove in Europa, è molto più facile diventare un insegnante di padel. In Italia, per esempio, ci sono tre formazioni insegnare il padel : livello 1, livello 2 e istruttore ("maestro"), quest'ultimo è il numero più alto. In Belgio non è nemmeno necessario alcun diploma per proclamarsi insegnante di padel e hanno il diritto di insegnare liberamente. Ma per chi lo desidera è prevista una formazione: la più elementare, quella di iniziatore, dura solo una settimana.

La maggior parte dei corsi è rivolta a studenti principianti o intermedi.

Analizzando le ragioni del successo di padel in Belgio, Romain Taupin cita giustamente questa formazione: “Grazie a un corso di formazione di una settimana aperto a tutti, puoi diventare un iniziatore di padel ! Vale a dire che in una settimana formano appassionati che daranno il 100% per convertire nuovi giocatori! […] Raccomando di prendere l'esempio della Spagna o del Belgio, dove offriamo una formazione molto più breve, nell'arco di una settimana. L'idea è di fornire le basi di padel agli iniziatori, per poter poi formare principianti e dilettanti. D'altra parte, per insegnare ad alto livello, ovviamente, è necessaria una formazione approfondita. Possiamo benissimo immaginare l'allenamento in due fasi: allenatore di livello 1 poi allenatore di livello 2”.

Gli iniziatori, “evangelisti” della padel

Ma come far lavorare migliaia di iniziatori mentre i club che possono far vivere un maestro sono così rari?

La differenza principale è che un iniziatore ha un altro lavoro e dà solo poche ore di lezione a settimana. A piccole dosi, questo può essere fatto anche in piccoli club, dove tali appassionati ne convertono di nuovi e accelerano il boom del padel.

Ne è convinto Romain Taupin: “Questi appassionati sono una sorta di evangelisti di questo sport. Coltivano il padel rapidamente e aumentare la domanda: di conseguenza, i tassi di occupazione saranno migliori e gli investitori si diranno che è davvero interessante investire. Quindi la crescita è ancora più veloce: si finisce così in un circolo virtuoso, con un rischio ridotto per chi lo intraprende, siano essi docenti o investitori».

E Romain Taupin conclude:

“Per me, fare una formazione molto pesante per tutti gli insegnanti in modo che diventino esperti e insegnino ad alto livello, è sbagliare il contenuto della formazione. Questo per dimenticare che il 95% dei praticanti di padel non sognano affatto un alto livello: sognano semplicemente di divertirsi dopo una giornata di lavoro. Vogliono dimenticare la loro vita quotidiana, conoscere altre persone e farlo con un buon facilitatore, che correggerà due o tre piccoli errori senza entrare in esercizi di scala che frustreranno gli studenti. Siamo qui in sintonia con i tempi: la ricerca del piacere immediato.”

Leggi anche "Il padel è la bocce del 21ᵉ secolo?”

Un parere sulla questione? Sentiti libero di commentare questo articolo qui sotto!

Dopo 40 anni di tennis, Jérôme cade nel piatto del padel nel 2018. Da allora ci pensa tutte le mattine mentre si rade… ma non si rade mai il pala in mano! Giornalista in Alsazia, non ha altra ambizione che condividere la sua passione con te, che tu parli francese, italiano, spagnolo o inglese.