La maggior parte dei giocatori e dei praticanti di Padel non sa come realizzare le racchette da neve e quali materiali vengono utilizzati nel processo. Non sono a conoscenza dei vantaggi o degli svantaggi dell'utilizzo di un modello di racchetta con questo o quel componente. Ecco l'elenco dei materiali che possono essere trovati in una racchetta da paddle:

  • FIBRA DI CARBONIO
  • FIBRA DI VETRO
  • GRAFENE
  • GOMMA EVA
  • SCHIUMA
  • POLIETILENE
  • GRAFITE
  • FIBRA DI ALLUMINIO
  • TITANIO
  • KEVLAR
  • COMPOSITE
  • EPOXY
  • GOMMA
  • MASTIC

FIBRA DI CARBONIO:

Più familiare, l'essenza delle particelle di grafite. È costoso, ma offre ottimi risultati in termini di leggerezza e resistenza, quindi il suo utilizzo in Formula 1, moto e molti altri sport. Poche marche producono racchette in carbonio 100% perché il costo è molto elevato.

Riassumendo: qualità, costo elevato, peso ridotto, massima resistenza.

FIBRA DI VETRO:

Il materiale per eccellenza nella produzione di racchette da paddle, un po 'più flessibile del carbonio, ma meno leggero. Combinato con grafite o carbonio offre qualità eccezionali con un'ottima resistenza agli urti. È più elastico della fibra di carbonio, quindi fornisce più proiettile ma meno potenza. Possedendo qualità di flessione è l'ideale per incorporarlo sulla superficie delle racchette permettendo di assorbire un po 'di più gli impatti e anche sul telaio come protezione aggiuntiva.

La vetroresina viene utilizzata dalla maggior parte delle marche di padel.

Riassumendo: più economico, il più usato per fare racchette, solitamente incorporato sulla superficie della racchetta.

GRAFENE:

Il grafene è un materiale cristallino bidimensionale di carbonio. È il componente più fine noto (con un singolo spessore di atomo), il più leggero (1 metro quadrato di grafene pesa 0,77 milligrammi), il miglior conduttore di calore a temperatura ambiente ed è anche il miglior conduttore di elettricità. Un'altra proprietà del grafene è la sua resistenza, è il materiale più resistente scoperto con una resistenza alla trazione molto più elevata rispetto all'acciaio e al Kevlar. Il grafene è attualmente molto costoso e difficile da ottenere artificialmente sebbene le tecniche di produzione siano in costante miglioramento. Riducendo costi e complessità.

Marchi come Head ora presentano racchette di fascia alta che incorporano Graphene.

Riassumendo: molto resistente, molto duro e molto solido. Costoso e costoso.

GOMMA EVA:

Con FOAM, il materiale più utilizzato nella produzione di racchette. È una gomma la cui proprietà principale è quella dell'assorbimento degli urti e il suo componente principale è il lattice, una resina che viene estratta da alberi o olio. Possiamo incontrare una racchetta in EVA con densità e qualità diverse, il che la rende più o meno compatta, rigida, flessibile, flessibile, elastica ... Gli effetti su una racchetta sarebbero più o meno flessibili da impattare con la palla, dandoci diverse sensazioni di colpi, potenza, controllo ... a volte mescolate con altri materiali alla fine per ottenere più leggerezza, la miscelazione perderà comunque le sue proprietà originali contro l'assorbimento degli urti. In teoria, le racchette in EVA hanno un maggiore controllo e una maggiore durata, poiché sono un materiale meno elastico. Hanno un'uscita proiettile inferiore rispetto alle racchette FOAM e polietilene. Nella gomma EVA ci sono diverse durezze: EVA Hyperasoft (più morbida), EVA Supersoft ... la gomma si deforma molto poco a contatto con la palla, costringendoci a colpire più forte per ottenere la stessa velocità della palla, ma con il vantaggio che non avremo un limite al punto di battitura, rispetto alla velocità che possiamo stampare sulla palla, come nel caso della SCHIUMA. Inoltre, le racchette da neve sono più resistenti e queste finiture sono di migliore qualità.

Riassumendo: controlli racchette rigide (meno se il soft mix), ma con uscita proiettile inferiore, resistenti.

SCHIUMA

Con la gomma EVA, il materiale più utilizzato nella produzione di racchette. Questo è un termine familiare dato alla resina sintetica ottenuta per condensazione di diversi tipi di poliestere, quindi chiamato anche "polistirolo" ed è caratterizzato dalla sua bassa densità. Tecnicamente FOAM è una schiuma di polistirene, un polimero termoplastico ottenuto per polimerizzazione dello stirene. Se prendiamo questa definizione nel mondo di Padel, otteniamo un tocco più morbido della gomma EVA e offre una buona uscita della palla con meno forza. In effetti, il polistirolo ha una maggiore capacità di assorbimento per ridurre ulteriormente le vibrazioni, il che è particolarmente interessante per i giocatori che soffrono di dolori alle braccia come tendiniti, problemi alle spalle, ecc. Le racchette FOAM avranno una buona uscita della palla perché la FOAM ha un meccanismo che assomiglia a una molla durante l'impatto della palla e quindi accentua gli effetti delle palle. Ma questo stesso effetto provoca una riduzione del potere perché assorbe gran parte della forza che forniamo. Sono meno resistenti e le finiture sono di qualità inferiore, poiché il materiale non è necessariamente stabile nel tempo.

Riassumendo: racchette morbide, meno controllo e potenza, ma più uscita proiettile. Anche meno resistente ma molto efficace per combattere ed evitare lesioni alle braccia.

CHIODI:

È uno dei materiali più utilizzati nell'industria in generale (borse, bottiglie, valigie, ... e racchette da neve). È un componente più duro della schiuma, ma più flessibile della gomma EVA. Le racchette da neve con questo materiale hanno più pugno, meno proiettili rispetto alla SCHIUMA, ma una vita più lunga. Hanno un controllo intermedio tra schiuma e gomma EVA.

È utilizzato principalmente nell'industria argentina, sebbene curiosamente il polietilene sia importato dall'Inghilterra.

Riassumendo: soluzione intermedia tra FOAM e gomma EVA, cercando di mitigare le carenze della prima, con maggiore durata, potenza e controllo. Ottimo assorbimento delle vibrazioni.

GRAFITE :

La grafite è realizzata in carbonio puro. Le loro diverse qualità, spessori e combinazioni li rendono un materiale molto leggero e resistente. Viene utilizzato per telai di racchette o fibra di vetro come rinforzo nelle aree con racchette da neve dove vogliamo avere una rigidità aggiuntiva nel telaio, nel cuore e nelle aree di torsione ... Ma d'altra parte su un impatto diretto e si asciuga si rompe abbastanza facilmente.

Riassumendo: materiale usato molto poco oggi.

FIBRA DI ALLUMINIO:

Chiamato anche Alufiber, è un materiale più duro della fibra di vetro, ma più flessibile del carbonio. Miscelata con carbonio, questa fibra offre ottimi risultati in termini di potenza e controllo, producendo un rumore metallico molto caratteristico.

Riassumendo: poco usato, dipende molto dalle miscele a cui viene miscelata la fibra.

TITANIO :

È un metallo che proviene da rutilo, ilmenite e titanite. A causa del suo peso ridotto e della fusione a temperature elevate, il titanio viene persino utilizzato nella costruzione di motori a reazione. Il padel può essere aggiunto alla racchetta sotto forma di polvere mescolata con vernice sul termine titanato. Nelle racchette da paddle offre fermezza e resistenza senza aumentare il suo peso complessivo, garantendo una maggiore durata. Di solito viene applicato come polvere mescolata con vernice.

Riassumendo: peso ridotto, poco usato ora.

KEVLAR:

È un tessuto con un trattamento speciale che gli conferisce una resistenza molto forte, uno dei materiali più resistenti. Essendo molto rigido, è molto costoso lavorare con questo materiale, ma può essere aggiunto come rinforzo aggiuntivo in una parte della racchetta. Il kevlar intrecciato al carbonio offre risultati di durata eccezionali. Attualmente solo pochi marchi lo usano perché è troppo difficile da lavorare, ma data la sua forza molto più forte di carbonio e vetro, offre una potenza straordinaria e un buon controllo. D'altra parte nessuna elasticità e quindi di effetto di palle (uscita di palla).

Riassumendo: massima potenza, buon controllo ma pochissima potenza del proiettile. Difficile lavorarci.

compositi:

È una "composizione" di materiali in resina che viene applicata per rafforzare la struttura della racchetta. Le qualità del materiale composito possono variare a seconda delle resine ad esso applicabili. La maggior parte degli sport in cui viene utilizzato un materiale duro incorpora il composito in diverse aree.

Per riassumere: materiale di ritocco o per il completamento di una racchetta, questo non è un materiale predominante in una racchetta da paddle.

Epoxy:

Resina liquida densa formata da compositi liquidi e viscosi utilizzati per la formazione compatta di fibre. Nella linea di produzione di una racchetta da paddle, viene applicata su tutte le fibre che costituiscono la racchetta, prima di essere introdotta nel forno. Permette di avere una racchetta il cui blocco è omogeneo. Una volta che la racchetta esce dal forno, la durezza dell'epossidico è notevole. Viene anche utilizzato in vernice e vernice aggiunta per rendere le racchette da neve più resistenti e impermeabili. È facile da trovare nei negozi di bricolage e può essere utilizzato per riparare le racchette.

Riassumendo: materiale utilizzato per la finitura della racchetta, materiale per ritocco.

GOMMA:

Materiale di lattice vulcanizzato di zolfo. Fu scoperto da Charles Goodyear alla fine del XVIII secolo. È più duro e più pesante della gomma EVA È stato usato in passato nelle racchette da paddle. Trasmette vibrazioni perché non ha le qualità per assorbire gli urti.

Riassumendo: quasi più usato.

MASTIC:

Materiale semi-argilloso bianco o giallastro utilizzato nel processo di creazione di una racchetta per coprire piccole imperfezioni prima di subire il processo di verniciatura e finitura. Le sue caratteristiche principali sono facilità di applicazione, durezza a secco e buona adesione.

Riassumendo: materiale utilizzato per il completamento di racchette, materiale per ritocco.

Axel Sabalete - PADEL MAGAZINE

Franck Binisti

Franck Binisti scopre il padel al Pyramid Club di 2009 nella regione di Parigi. Da allora il padel fa parte della sua vita. Lo vedi spesso in tournée in Francia andando a coprire i grandi eventi di paddle francesi.