Padel Magazine - Molti di voi su Facebook fanno domande sulla famosa FIP. Padel Magazine propone quindi un'intervista esclusiva a Daniel Patty, nuovo presidente della Federazione Internazionale di Padel (FIP) per un anno. Questo appassionato di sport italiano, nato a Mosca, ambasciatore e viaggiatore, è diventato presidente della FIT un anno fa.

[box type = "info"] L'intervista è durata più di un'ora ed è in inglese. Di seguito offriamo un riepilogo di questa intervista. Gli sono state poste tutte le domande: relazione con la Francia, i problemi incontrati, le possibilità offerte dalla Federazione Padel Internazionale per i giocatori francesi, un aggiornamento sulle tensioni ma anche le possibili scadenze future ... Le sue risposte ci consentono per correggere o imparare certe cose. [/ box]

Riepilogo intervista

PM: Come si comportano i padel club italiani?

Daniel Patti è italiano e invita i club e i giocatori di lingua francese a partecipare alle competizioni italiane. Secondo lui, i club italiani si stanno sviluppando con città come Bologna, che è in pieno sviluppo con diversi club di paddle nella sua periferia.

Tuttavia, indica che Francia e Italia sembravano giocare più spesso qualche anno fa. Sarebbe necessario riavviare lo scambio tra club italiano e francese. Lo indica "Sarebbe molto positivo per entrambi i paesi".

Ricorda anche che all'epoca i giocatori italiani si trasferivano in club francesi come Tolosa, Nizza o Aix. Si rammarica che non sia più così.

PM: Molti di noi in Francia non comprendono il rapporto tra Francia e FIP ... in particolare i motivi per cui i giocatori francesi non possono competere nei tornei internazionali?

Primo Daniel Patti rilancia è un peccato che FIP abbia perso uno dei suoi membri ". Se il FIP avesse potuto fare diversamente, lo avrebbe fatto.

In sintesi, Daniel Patti spiega che ci sono problemi 2 in Francia che bloccano per il momento:

Il primo riguarda un compenso che la FFT (Federazione francese del Padel) deve la FIP. In effetti, secondo lei, la federazione di paddle non avrebbe pagato la royalty degli ultimi due anni alla FIP. L'LNP (linea nazionale di Padel) se desidera avere la possibilità di essere membro della FIP, per pagare i debiti della Federazione francese di Padel.

Quindi, il presidente della FIP insiste sul fatto che è stata ingannata dalla FFP da quando è diventata membro della FIP. In effetti, lei e i suoi membri hanno appreso che il FFP non è stato approvato dal Ministero dello sport francese, ma "Inoltre non ha il permesso di essere chiamato Federazione" e da definirsi tale ai campionati mondiali di padel. La FIP ha anche ricevuto una mail diretta in tal senso dal Ministero dello Sport.

Tuttavia Patti specifica che il FIP andava d'accordo con il FFP dal momento che 1992 (che ora deve essere chiamato associazione padel francese), che non è un "Problema personale"ma c'è un problema amministrativo che impedisce al FFP di integrare il FIP. Detto questo, aggiunge che è un peccato che i leader francesi "Lavorare per se stessi e non in gruppo".

PM: Che dire oggi tra FIP e Francia?

Il presidente indica che sta attualmente lavorando con Cédric Carité che ha creato la National Padel Line. Ma anche qui, afferma che esiste ancora un problema poiché, senza menzionare il conflitto interno in Francia che sta interferendo con la FIP, l'LNP non ha nemmeno il sostegno del ministero. È consapevole che l'LNP cercherebbe di avvicinarsi alla FFT (Federazione francese di tennis). Secondo lui, sarebbe molto positivo per tutti. Daniel Patti indica in particolare che la FFT è conosciuta in tutto il mondo ed è sicuramente una delle federazioni di tennis più potenti al mondo. L'integrazione della FFT farebbe molto bene al padel francese. Lo segue con molta attenzione.

Per quanto riguarda il FFP, non ha quasi alcun rapporto, tra l'altro perché i suoi funzionari principali non sono più in Francia ...

PM: Ci è stato detto che la Francia non poteva partecipare alle coppe del mondo di padel ... Non è questo un effetto negativo sullo sviluppo del padel in Francia?

"L'informazione non è proprio vera."

Secondo il presidente, desidera chiarire che i giocatori francesi opposti sono i benvenuti durante le fasi di Coppa del mondo di padel. Incoraggia i giocatori francesi a partecipare a questo campionato mondiale. A proposito, la prossima fermata è la Florida a marzo. Spera che ci saranno giocatori francesi.

D'altra parte, ciò che è vero è che la squadra francese non può più essere rappresentata nelle competizioni internazionali o nelle partite a squadre. Ma i giocatori francesi possono presentarsi e ottenere una classifica mondiale.

Per concludere, potremmo dire che Daniel Patty sembra voler calmare le cose. Vuole che i rappresentanti francesi del padel formino un « groupe Per sviluppare il padel. È anche molto ansioso di vedere il risultato con la FFT.

Franck Binisti - Padel Rivista
Franck Binisti

Franck Binisti scopre il padel al Pyramid Club di 2009 nella regione di Parigi. Da allora il padel fa parte della sua vita. Lo vedi spesso in tournée in Francia andando a coprire i grandi eventi di paddle francesi.