Romain Taupin, il fondatore di Padelonomica, ci parla di un tema che tocca tutti a padel : il pallonetto. Come spesso, la sua analisi è fatta da un'angolazione affascinante.

Questo è uno degli errori più comuni in padel"Non accettare di essere lobbato"!

accetta di essere lanciato contro padel

Quando facciamo pallonetto, abbiamo una "zona di comfort" (in verde) che rappresenta la zona in cui possiamo eseguire uno smash o uno smash. bandeja/vibora efficace nell'attaccare o almeno nell'impedire all'avversario di riprendere la rete.

Questa zona verde è diversa per tutti. Ad alto livello, alcuni potrebbero avere bandejaSe efficaci molto lontano dalla rete, la loro zona verde può estendersi fino alla linea di fondo campo.

Tuttavia, tutti i giocatori hanno un limite, e questo limite inizia quando la distanza dalla rete provoca il nostro colpo (smash, bandeja/vibora) andrà chiaramente a vantaggio dell'avversario perché sarà eseguito male, impreciso, con troppo rimbalzo… È la zona rossa sul diagramma, la zona del disagio.

Non appena si effettua un pallonetto e il pallonetto arriva in questa zona di disagio (che è diversa a seconda del giocatore), bisogna accettare di far passare la palla, di perdere la rete e di ricominciare a costruire il punto dal indietro. .

 

A volte è molto più difficile per gli avversari dover difendere una buona “bajada” che una palla alta giocata all'indietro e fuori dalla propria zona di comfort. Per chi segue il World Padel Tour, noterete che un certo Fernando Belasteguin accetta molto spesso di farsi pallonetto, per attaccare meglio alle spalle con un ritorno di finestra. Con l'efficienza che conosciamo...

Franck Binisti scopre il padel al Club des Pyramides nel 2009 nella regione parigina. Da padel fa parte della sua vita. Lo vedi spesso in tournée in Francia per coprire i principali eventi di padel français.