Léa Godallier ripensa alla sua stagione sul World Padel Tour e al suo debutto come padel professionale.

Padel Magazine : Sei oggi uno dei dirigenti del team francese di padel, eppure è uno sport che hai finalmente scoperto abbastanza recentemente dopo diversi anni nel tennis, puoi dirci di più?

Lea Godallier: “Ho giocato a tennis per quasi 15 anni e ho raggiunto la classifica -4/6. Ho scoperto il file padel al Bordeaux Tennis Club e l'ho trovato molto divertente. È uno sport che si gioca di squadra, molto accessibile che mi è subito piaciuto. Ho giocato il mio primo torneo ufficiale a dicembre 2016. Da lì mi sono appassionato alle competizioni e l'ho fatto sempre di più, fino a quando sono entrato nel circuito professionistico, ora c'è un anno e mezzo. "

Padel Magazine : Ti sei trasferito a Madrid un anno fa per diventare un professionista padel, raccontaci delle tue settimane tipo a Madrid? 

Lea Godallier: "Sì, ho preso un appartamento vicino a Madrid a settembre 2019 per poter continuare ad allenarmi con il mio allenatore Jorge De Benito e per potermi muovere più facilmente alle competizioni di World Padel Tour.

Ho giocato tutta la stagione con Laura Clergue che era anche a Madrid, ci ha permesso di allenarci insieme due volte a settimana con i nostri rispettivi allenatori. Inoltre mi alleno al mio fianco con Jorge e giochiamo anche gli allenamenti, in media due volte a settimana. 

Faccio anche sessioni fisiche cinque volte a settimana con il mio preparatore atletico, che è anche il mio tesoro 🙂

Quest'anno è stato speciale con la crisi sanitaria, ma tra i tornei del circuito di Madrid, il FIP STAR e il World Padel Tour, dobbiamo aver giocato in media da 2 a 3 tornei al mese! "

terreno padel lea godallier jump bandeja

Padel Magazine : Quali sono i tuoi migliori risultati fino ad oggi? E quali sono le tue ambizioni sul circuito?

Lea Godallier: “Il mio miglior risultato fino ad oggi: due 1/8le mie finali Open World Padel Tour fatto quest'anno. Per il momento, l'obiettivo sarebbe raggiungere la top 30 il prossimo anno ".

Padel Magazine : Sei riuscito a interpretare la migliore coppia del mondo di World Padel Tour. Di cosa hai bisogno per competere con questi giocatori? 

Lea Godallier: “È stata un'esperienza molto positiva affrontare la prima coppia mondiale. Sono giocatori che hanno imparato lo sport sia tecnicamente che tatticamente. Loro giocano padel per molto tempo e si vede in pista. Penso che ci siano aree in cui saranno sempre più forti, ma per poter competere un giorno devo già continuare a lavorare sodo e magari inventare uno stile di gioco diverso, più basato sul mio passato tennistico e sulle mie qualità fisiche. "

Léa Godallier vittoria pugno di mano P2000 Piramidi

Padel Magazine : Ti abbiamo visto giocare con la Nox AT10 Genius di Agustin Tapia, perché hai scelto questa racchetta? Pensi che cambierai nel 2021?

Lea Godallier: “Ho scelto la Nox AT10 Genius perché è una racchetta molto versatile che mi permette di sentirmi a mio agio in attacco e difesa. Anche la scelta non è stata molto semplice, poiché mi sono piaciute anche molte altre racchette della gamma LUXURY. Sono attualmente in fase di test per il 2021 e comunicherò presto la mia scelta! "

Dio Goder world padel tour tiro al volo di dritto
Ottimizzazione Padel Mag

il team Padel Magazine cerca di offrirti dal 2013 il meglio di padel, ma anche sondaggi, analisi per cercare di capire il mondo padel. Dal gioco alla politica del nostro sport, Padel Magazine è al tuo servizio.