Le padel rimane ancora uno sport in gran parte sconosciuto nel continente africano e in particolare in Senegal dove il calcio e il wrestling sono i re. Ma le cose potrebbero presto cambiare grazie alle iniziative dell'associazione “Tennis Padel senza limiti“, Che funziona per lo sviluppo dello sport tra i giovani.

Padel Magazine ha potuto parlare con Philippe Apack, che porta avanti questo progetto con entusiasmo.

“Ho scoperto il padel in Senegal "

Padel Magazine : Puoi presentarti e raccontarci la tua storia con il padel ?

Philippe Apack : “Sono franco-senegalese e viaggio tra i due paesi da più di 25 anni. Ho vissuto lì per più di quindici anni e conosco perfettamente gli usi e costumi locali ".

"Giocatore di tennis occasionale alla base, Ho scoperto il file padel in Senegal, più precisamente al Saly club (località balneare situata a 70 km a sud di Dakar), la prima del paese ad aprire i battenti sei anni fa. Mi sono subito appassionato e non sono l'unico, ne sono la prova gli altri tre locali che hanno aperto sulla scia e che si incontrano un grande successo con la popolazione espatriata. "

Philippe Apack tennis padel sans frontieres Senegal

"95% di padel sono espatriati "

Padel Magazine : Cosa ti ha spinto a creare l'associazione? Quali sono le tue ambizioni?

Philippe Apack : “Quest'inverno, durante un soggiorno di diversi mesi ad Aix en Provence, sono entrato a far parte del club municipale di padel dall'Aix Université Club dove ho conosciuto due insegnanti di tennis, Mathias e Thibault, che sono anche i creatori dell'associazione Tennis Without Borders. In particolare, hanno organizzato azioni di beneficenza in Sud America e Senegal. Eravamo sulla stessa pagina e condividevamo una visione dello sport accessibile a tutti e a tutti. "

“In Senegal, ad esempio, il 95% dei padel sono espatriati, la popolazione locale non dispone dei mezzi finanziari per potersi permettere abbonamenti e attrezzature adatto per la pratica. Sembra terribilmente ingiusto, e così ho maturato il progetto di una struttura adattata in cui potevo investire e che avrebbe cambiato la situazione. Da lì è iniziata la costituzione del Tennis Padel senza limiti."

"La nostra ambizione è ovviamente quella di creare un'accademia che serva principalmente i giovani africani, e se il nostro progetto fa appello a quante più persone possibile, ce ne sono anche alcuni padel in Gabon, Guinea Equatoriale, Marocco, Tunisia ed Egitto, dove Tennis Padel senza confini potrebbe intervenire. "

Diffondere la pratica di Padel in Africa

Padel Magazine : Quali sono i tuoi obiettivi per il 2021?

Philippe Apack : "Il nostro obiettivo è diffondere la pratica di Padel in Africa e più precisamente in Senegal dapprima, consentendo ai giovani aspiranti atleti ma privi di mezzi di poter accedere a circoli (tutti privati) e attrezzature varie ”.

“Il nostro programma è semplice. Trova finanziamenti e donatori che potrebbero sostenercie consentire al maggior numero possibile di bambini senegalesi indigenti di accedere a lezioni, formazione, con attrezzatura adeguata: racchette da neve, scarpe, abbigliamento, ecc. "

“Per fare questo, mi sono avvicinato al club N'gaparou e al suo proprietario, Pascal. Felice dell'idea e al 100% dalla nostra parte, è il primo a hanno permesso a due giovani locali di allenarsi gratuitamente casa sua. Ora stanno facendo scintille nei tornei nazionali e sono una storia di successo da seguire per i giovani ".

"Il padel rimane ancora uno sport totalmente aneddotico nel panorama sportivo senegalese. Gli altri club seguiranno se lo vorranno ".

“Non dimenticheremo le ragazze, troppo spesso costrette fin dalla tenera età alle faccende domestiche e familiari. È un problema culturale e religioso e cercheremo di trovare soluzioni per far capire alle famiglie l'utilità di far praticare sport alle ragazze. Ci vorrà un po 'di tempo ma non mancano pazienza ed energia ".

“Avremo un anno 2021 ricco di progetti e grandi momenti di condivisione. Secondo i mezzi che avrà l'associazione, speriamo che almeno trenta giovani possano iniziare a conoscere padel. Possiamo sempre sorprenderci a sognare, no !? "

terreno padel Ngaparou senegal

Con l' padel speriamo di dare loro una speranza per il futuro

Padel Magazine : Al momento, quanti club ci sono? padel in Senegal? Come si traduce in termini di praticanti?

Philippe Apack : “Ci sono tre club tutti privati ​​nella zona di Saly, più uno a Dakar:

  • Padel N'gaparou
  • Padel Saly
  • Club sportivo La Palmeraie (Nota dell'editore: Club vincitore della prima edizione del Coppa Intercontinentale Padel in 2019)
  • Lo sport olimpico (Dakar) "

"Per il momento il numero di praticanti di tutti i club non deve superare i duecento soci, ma questo numero dovrebbe esplodere quando i senegalesi avranno accesso ai corsi. La loro motivazione, combinata con le loro sorprendenti capacità fisiche, dovrebbe dare vita a buone prestazioni nelle competizioni internazionali nei prossimi anni ".

“D'altra parte, i nostri puledri avranno l'obbligo di rispettare. Finché dura il loro accordo con la nostra associazione, devono rimanere a l'école e fare di tutto per avere una buona media e pensare di andare all'istruzione superiore. Qui i giovani abbandonano la scuola molto presto per mancanza di prospettive o di mezzi. Con il padel speriamo di dare loro una speranza per il futuro, di fargli praticare un'attività sana e ludica facendogli capire l'importanza dello studio. A tal proposito, anche qui cercheremo di sostenerli con i mezzi necessari ".

"Lunga vita al padelLunga vita al Senegal, lunga vita al Tennis Padel senza limiti."

giocatore padel senegal N'gaparou

Malick N'diaye padel cronista

Se il tennis è uno sport che ti fa impazzire, moltiplica quella follia per 2 e otterrai il padel.

Espatriato a Malaga, appassionato di sport e fotografia, Malick si è subito innamorato del padel. Se non riesci a trovarlo su un corto lavorando il suo "bandeja", Probabilmente farà escursioni con GoPro in mano.