L'editoriale di Franck Binisti: Risponde a domande e commenti relativi a un problema di attualità. Dà la sua opinione quando possibile. I critici sono sempre i benvenuti. 


La nuove normative FFT intorno all'obbligo di organizzazione per organizzatori e club padel signore non sembra essere unanime.

Cercherò di rispondere ai commenti e di darvi la mia opinione su questo argomento.

Di cosa stiamo parlando?

Innanzitutto, supponiamo che tutti vogliano promuovere il padel femminile e inoltre il padel in generale ... On quindi spinge le porte aperte sviluppando questo tema.

Siamo d'accordo che i club e gli organizzatori di padel sono i primi a fare del loro meglio per sviluppare il padel femminile per diversi anni.

Gli interessi della FFT e dei club sono quindi gli stessi.

La mancanza di concorrenti femminili non è esclusiva del nostro sport, né della Francia. Inoltre, gli interessi dei giocatori sono molto diversi: distinguiamo tra concorrenti donne con ambizioni sul circuito francese e concorrenti donne il cui approccio è più "leisure".

Infine, trattandosi di competizione, parliamo di circa 1500 concorrenti, una buona metà dei quali non sembra avere voglia di fare più tornei di quanto viene loro offerto.

 

Partendo dall'inizio, una buona idea?

Non dovremmo cominciare dall'inizio, cioè "creare" giocatrici, poi secondariamente concorrenti donne con una vera politica di sviluppo intorno padel femminile?

La competizione, i tornei, è una fine secondo me. Prima di tutto, quindi, l'ambiente è necessario per far nascere giocatrici. padel.

Forza un club padel offrire un torneo femminile creare un ambiente positivo intorno ai giocatori? Senza correre troppi rischi, mi sembra che non sia così o in misura molto marginale.

Andrei anche oltre: costringere i club a organizzare tornei femminili, non è controproducente? Infatti, come sappiamo, capita spesso che i tavoli delle signore siano relativamente vuoti. A volte i test vengono rinviati o annullati. In questo modo, è motivante per i giocatori, è un segnale positivo per lo sviluppo del padel femminile?

Allora, a cosa serve una politica di sviluppo padel femminile? Per ora queste sono parole ma non significano assolutamente nulla perché l'unica visione che abbiamo al momento è questa piccola parte nella guida del torneo di padel.

Non dovremmo invece creare un vero sistema di promozione attorno al padel le signore? Per prima cosa, cerca di convincerli a venire al padel, agganciarli a questo sport in modo che diventino giocatori regolari a lungo termine, alcuni dei quali sono concorrenti.

Come "creare" giocatori?

Questa è la domanda a cui dobbiamo rispondere. E dovremmo tutti cercare di concentrarci su questo tema invece di mettere in atto norme che a mio parere uccidono e controproducenti.
Non sarò in grado di darti un sacco di idee perché non so davvero come farlo. D'altra parte, altri attori in ambienti totalmente diversi hanno affrontato questo argomento:
  • Discoteche
  • Siti d'incontri

Dovremmo vedere i loro metodi con precisione e cercare di adattarli al nostro sport.

Creeremo giocatrici obbligando i club a organizzare tornei?

Fare la domanda è già fastidioso per i club e gli organizzatori. Non hanno già dimostrato il loro lavoro nella promozione padel femminile con tutte le loro azioni compiute? Non pensi che ci si possa fidare di loro per continuare su questa strada?

Gli interessi della FFT e dei club sono gli stessi. Perché allora imporre questo genere di piccole frasi ai club, come se fossero i principali responsabili di questo male che colpisce altri sport e altri paesi.
Penso anche che sia importante metterti nei loro panni e vedere tutto il lavoro che stanno già facendo.
Il bel momento? La legittimità?

Molti temi nell'argomento sono stati discussi intorno ai tornei femminili e all'obbligo per i club di farlo.

1 / È questo il momento giusto per farlo? Adesso ? Nelle condizioni che conosciamo?

2 / Può una Federazione interferire fino a questo punto nella vita di un club? Non è così ovvio se vogliamo credere ai tanti giocatori direttamente interessati.

3 / Questa misura è applicabile? Parliamo di 1500 concorrenti donne, due terzi delle quali fanno pochissimi tornei. E questi concorrenti si trovano spesso nelle stesse regioni. E non sto parlando dell'enorme delta in termini di livello ...

4 / E infine per averlo visto e vissuto (da modesta piccola organizzatrice di pochi tornei femminili): quando ti prendi tempo per organizzare un torneo femminile e che alla fine, come purtroppo troppo spesso, abbiamo un tavolo che non non è molto fornito, e che in più ci vediamo di fronte a differenze di livello molto importanti tra coppie che si conoscono molto / troppo bene, finiamo con giocatori insoddisfatti che non ripeteranno più i tornei padel le signore. È frustrante per tutti e, per di più, non è positivo per l'immagine del club / organizzatore ...

La mia conclusione

Questa nozione di obbligo ovviamente mi dà fastidio. Come se i club non stessero facendo il lavoro.

Promozione di padel le signore devono essere fatte. Ma l'abbiamo trovato solo per promuovere il padel femminile?

Da parte mia, trovo che questo regolamento attribuisca responsabilità ai club e giochi sulla loro credibilità nei casi in cui la competizione viene annullata. E sappiamo che spesso accade che i tornei femminili vengano cancellati.

Per info ecco un preventivo:

Con questa misura, abbiamo l'impressione che la FFT stia dicendo ai club che non stiamo giocando, ma è la FFT che non sta giocando non lanciando una vera politica di sviluppo tra le donne.

Segnala le sue mancanze ai club che stanno già facendo molto.

Abbiamo l'impressione che questa misura possa fare qualcosa. Dimmi un posto in cui regolamenti come questo hanno portato qualcosa di benefico a uno sport. E soprattutto: che tristezza vedere che per sviluppare il padel femminile, i club sono tenuti a seguire regolamenti specifici di questo tipo.

Il problema di fondo è che devi già creare giocatori prima di pensare alla competizione. Ma come spesso la FFT mette tutto sulla concorrenza, i grandi club, i migliori giocatori e mai sulla base, la creazione dei giocatori.

Angosciante.

Ecco un'altra citazione:

"(...) Nessuna consultazione, la FFT ha dovuto ascoltare i grandi club che si trovano nelle grandi città come Parigi, Tolosa, Lille, Lione ... gli altri sono dimenticati."

Queste parole non sono mie. Trovo che questo lato giacobino della FFT sia estremamente imbarazzante. I club sono in fermento ... Non ci vorrebbe molto per andarsene.

zenlipadel dames padel rabbia di vittoria

Infine, ancora una volta, sarà il campo / il back office a parlare ...

Franck Binisti

Franck Binisti scopre il padel al Club des Pyramides nel 2009 nella regione parigina. Da padel fa parte della sua vita. Lo vedi spesso in tournée in Francia per coprire i principali eventi di padel français.