Durante l'ultimo torneo APT Padel Tour in Svezia, Franck Binisti ha potuto incontrare Thomas Johansson, il Direttore Generale del suddetto circuito.

Hanno potuto discutere diversi argomenti come i concorsi dell'anno, il nuovo premio in denaro, la categoria femminile e tante altre cose.

“Il Kungsbacka Hede PadelIl centro è per me il più bello del mondo”

Franck Binisti: Abbiamo molti argomenti da discutere insieme per il futuro, ma prima di tutto vorrei che mi dicessi di più sugli ultimi tornei (Portogallo, Svezia, ecc.)

Thomas Johansson: Ebbene, si può dire che è stato difficile organizzare eventi in questo tempo di pandemia. Siamo comunque riusciti a tenere tre tornei in Portogallo. È un paese dove il padel è molto praticato, il che aiuta il regolare svolgimento delle gare. Da parte mia, questo evento è stato un grande successo sia nello sport che a livello dell'APT.
Attualmente sono molto felice di essere in Svezia perché è la mia terra natale e più in particolare qui a Kungsbacka Hede PadelCenter, che per me è uno dei complessi indoor più belli del mondo.

Franck Binisti: So che viaggi molto e che hai visitato molti paesi, ma quando vedi un centro come questo ti sogneresti di vedere lo stesso ovunque, giusto? 

Thomas Johansson: Certo ! Come ti ho detto, per me è uno dei resort più belli al mondo che abbiamo qui in Svezia. Molte persone vengono qui per vedere come è stata progettata questa struttura. È vero che questo centro è stato intelligentemente pensato nella sua progettazione, sia per le tracce di padel ma anche uffici, ecc.
Sono davvero molto felice di poter contare qui tre eventi.

Terra Kungsbacka 2021 APT

 

 

“Vogliamo aumentare il montepremi fino al 300% entro il 2022”

Franck Binisti: Parliamo un po' del futuro. Potresti dirmi cosa hai in programma per il futuro? 

Thomas Johansson: Innanzitutto, dal prossimo anno abbiamo in programma di aumentare il montepremi come mai è stato fatto finora per i Tornei APT. Sono molto felice e orgoglioso del lavoro svolto da tutto il team e dai nostri sponsor, che ci permetterà di vederlo evolvere al livello di 300% . Ci saranno tre livelli di competizione e questa innovazione si concentrerà sull'Open. Questa decisione ha lo scopo di aiutare i giocatori. Per quanto riguarda le altre categorie Master e Grand Master, il montepremi aumenterà rispettivamente del 100% e del 50%.

Franck Binisti: Citiamo molto i migliori giocatori che per lo più finiscono in semifinale o finale, ma non citiamo gli altri buoni giocatori al centro del tavolo. Darai loro un po' più di sostegno, finanziario o di altro tipo? 

Thomas Johansson: Infatti, il nostro obiettivo è anche aiutarli fornendo loro vantaggi come vitto o alloggio gratuito e persino aumentare i loro guadagni durante le sessioni di qualificazione. Vogliamo aiutare tutti i giocatori di tutto il mondo.
Le padel è ancora uno sport giovane ma in forte crescita. Non l'ho mai visto in nessun altro sport, ed è per questo che vorrei prendere tutto il positivo che il tennis ha da offrire e trasferirlo a padel. Ma per fare questo abbiamo bisogno di tempo.

Franck Binisti: Thomas, abbiamo appena parlato dei signori, una parola da dire sulla categoria femminile?

Thomas Johansson: Certo. Vorrei avere più praticanti sull'APT Padel Tour. 
A causa della situazione attuale, è stato difficile per noi ottenere un conteggio esatto del numero di squadre femminili, ma quando vado nei diversi centri o eventi APT, posso vedere che sempre più donne praticano questo sport.
Abbiamo organizzato due tornei con categorie Ladies, a Lisbona e qui a Kungsbacka.

Tuttavia, quando si tratta di una competizione, possiamo notare che c'è una vera differenza tra uomini e donne e non sarebbe male infrangere questi codici. Potrei avere un'idea in cui sto scavando.

Franck Binisti: È vero che a casa in Francia incontriamo questo problema, ovvero che poche donne vogliono partecipare alle gare. Quale sarebbe la tua soluzione? 

Thomas Johansson: Ne parlo molto con mia moglie, che anche lei pratica assiduamente padel, e pensiamo che prima di tutto dovremmo promuovere nuovamente il lato “cool” di questo sport. Quando entri in competizione, c'è stress, molta pressione. Dovremmo, attraverso un sistema di 2 o 3 partite obbligatorie durante i gironi di qualificazione, ripristinare l'immagine del padel in una pratica giocosa e divertente. Laddove nel tennis i giocatori perdono la prima o la seconda partita e tornano a casa, il nostro obiettivo sarebbe che i giocatori giochino un determinato numero di partite e si divertano a giocare insieme durante la giornata..

“Nei prossimi mesi arriveranno in Europa ottime competizioni”

Franck Binisti: Prima di chiudere questa intervista, puoi dirci quali sono i tuoi piani per i prossimi mesi, o anche per il 2022? 

Thomas Johansson: Dopo la Svezia, inizialmente volevamo organizzare due eventi in Sud America, più in particolare in Argentina, ma vista la deplorevole situazione sanitaria del Paese, con quasi tutte le frontiere chiuse, è difficile per noi portare avanti questo progetto.
Stiamo ancora pensando di organizzare un torneo nel continente sudamericano quest'estate, per poi tornare in Europa. Abbiamo delle grandi gare in arrivo molto presto ma non posso dirti di più, dovrai aspettare ancora un po'!

Come avrete già detto, il Paraguay è una destinazione che abbiamo studiato ma per questo dovremo sperare che la situazione sanitaria migliori nel Paese.

Franck Binisti: Infine, un'ultima domanda. Il legame tra tennis e padel. Potremmo vedere durante un ATP padel Tour ad Acapulco che nella stessa settimana si sono giocati il padel e tennis. Queste due discipline si sono scambiate molte cose positive durante questo evento. Il futuro non è solo questo? 

 

Thomas Johansson: Hai assolutamente ragione. Penso che quando vai in un paese come gli Stati Uniti, per esempio, o nel continente asiatico, il padel deve essere collegato al tennis. Molti tennisti vanno pazzi padel. Quindi sì, nel 2022 potresti vedere due o tre eventi che collegano questi due sport. 

Per coloro che desiderano trovare l'intervista nella sua interezza (in inglese), è appena sotto:

Fan di padel e di origine spagnola, il padel scorre nelle mie vene. Molto felice di condividere con voi la mia passione attraverso il riferimento mondiale di padel : Padel Magazine.