Alfredo Garbisu è il presidente della Federazione spagnola di Padel. Al microfono dei nostri colleghi di Padel La Spagna evoca la sua paura per il futuro del settore padel.

La Spagna sta cercando un piano per tornare alle sue attività. Il presidente del governo Pedro Sánchez ha pronunciato ieri martedì, il prossimo futuro non è tutto roseo.

Lato padel, il presidente della FEP conta sui giocatori e sul loro buon senso affinché l'attività riprenda nelle migliori condizioni. Se tutti lavorano insieme, usciremo tutti da questa difficile prova molto rapidamente.

Difficile calvario, questo è esattamente ciò che il padel Spagnolo. Un gran numero di club, giocatori, monitor, federazioni regionali e una federazione nazionale che non possono aiutare, ecco il quadro.

Anche se il governo spagnolo annuncia il ppossibile ripresa della formazione individuale per i professionisti così come l'apertura di centri ad alte prestazioni con misure di sicurezza, la ripresa delle competizioni non è ancora possibile e ancor meno la ripresa delle partite di piacere.

Quindi ecco la situazione di padel in Spagna. Club che non hanno entrate di denaro, giocatori professionisti che non hanno più competizioni, organizzatori che non possono più organizzarsi e federazioni con pochi fondi che non possono aiutare e rilanciare il recupero del attività.

Come dice Garbisu: "Più tardi l'attività riprenderà, più danni saranno fatti al nostro sport e ai loro attori".

Fonte : Padel Spagna

Julien Bondia

Julien Bondia è un insegnante di padel a Tenerife. È il fondatore di AvantagePadel.net, un software molto popolare tra club e giocatori di padel. Editorialista e consulente, ti aiuta a giocare meglio attraverso i suoi numerosi tutorial padel.