Seconda parte dalla nostra intervista con il presidente dell'American Padel Tour, Fabrice Pastor. Ripercorre le ragioni che lo hanno portato a tornare nel settore dei padel. Senza deviazione, denuncia secondo lui “alcune derive del World Padel Tour che ferivano il padel".

La prima parte dell'intervista: QUI.

  • 2 anni fa, hai detto che il padel era finito. Ed eccoti di nuovo ...

È stato un momento complicato. Direi persino una delusione. Soffrivo per il progetto che stavo portando ma anche e soprattutto per alcuni giocatori che pagato per la loro libertà di pensare nel 2019 per avermi supportato.

L'APT è l'opposto di quello che è il circuito professionale europeo. Perché proprio, scommettiamo sulla libertà dei giocatori e sulla qualità dei nostri test. Costringiamo le persone a venire e suonare sul nostro circuito.

Sono stato molto toccato dalle azioni di alcuni. E mi sono detto che non meritava il problema di investirmi così tanto per quello.

Sembra che ci siano solo pazzi che non cambiano idea. E poi, sai quanto sono appassionato di questo sport. Ho avuto un grande sostegno come quello del presidente della Federazione messicana, Omar Villavicencio, ora vicepresidente del CAPF e dell'APT.

  • Quando parli di giocatori che hanno pagato per la loro libertà di pensiero, cosa intendi esattamente?

Non citerò i giocatori che mi hanno supportato 2 anni fa per vedere decollare l'International Padel Tour nel 2018. Non posso, li rimetterebbe in imbarazzo.

Tuttavia, posso dirti che sono scandalizzato dai metodi del World Padel Tour.

I giocatori che hanno sostenuto l'International Padel Tour hanno pagato una multa del 12% sui guadagni ottenuti nel 2019. Ti rendi conto dello scandalo?

E per tornare alla domanda precedente, sono sorpreso di non vedere i giocatori professionisti reagire a tutto questo.

E precisamente, con l'Amercian Padel Tour, voglio mettere fine a questo sistema. Posso già dirti che i giocatori del WPT di origine latinoamericana si stanno interrogando sulla rilevanza di andare in Europa quando hanno un circuito professionale in casa.

Abbiamo persino giocatori europei che stanno pensando di provare l'avventura in America.

  • APT al di fuori dell'America, possibile?

Tutto è possibile. E abbiamo già richieste, anche in Europa. L'APT mira a diventare un circuito professionale molto ampio. E questo è già il caso in America. Con il nostro lavoro, l'investimento, il gruppo che c'è, tutto è possibile perché pensiamo soprattutto all'interesse dei giocatori.

  • L'APT può diventare questo grande punto di riferimento globale quando abbiamo visto la FIP e il WPT riunirsi l'anno scorso ...

Grazie per avermi fatto questa domanda. Ti risponderò con un'altra domanda: non trovi sospetto questo riavvicinamento tra FIP e WPT?

Ho impostato l'APT. E ora sono d'accordo. Avresti pensato che fosse una buona cosa. Ma è un peccato quando conosciamo le ragioni.

Non essere ipocrita, queste due istituzioni sono sempre state in conflitto. Il FIP è impantanato nei suoi problemi istituzionali, il WPT vuole reagire per evitare che il circuito scompaia come il Padelpro Tour.

Stanno quindi cercando di trovare una parata contro l'APT. Ma la buona notizia è che li spavento. Anche in questo caso.

  • Non possiamo dire che la fusione della classifica mondiale ad esempio tra FIP e WPT è una cosa positiva?

Se è positivo per il padel e per i giocatori, tanto meglio. Mi dispiace qui per i contorni e le ragioni extra sportive di questo riavvicinamento tra FIP e WPT. Se il fatto di aver creato l'APT mi ha permesso di spostare le linee in Europa, è già una vittoria per me.

Mi dispiace fare questo parallelismo con la mia avventura con The International Padel Tour. Ma mi ricorda il momento in cui il World Padel Tour ha dovuto arrendersi e dare un po 'di più ai giocatori perché volevo lanciare l'IPT. Anche se, non potevo arrivare alla fine, sono felice che i giocatori siano stati in grado di spingere il WPT per ottenere di più grazie all'IPT.

Sai, solo perché i giocatori professionisti in Europa non devono tacere o affrontare multe, non significa che siano ciechi.

La differenza è che APT è una realtà. Il circuito viene avviato e nulla può fermarlo. C'è spazio per tutti. Vieni ad assaggiare l'American Padel Tour.

  • Un altro argomento sta emergendo in Argentina: l'America Padel Tour creato dall'argentino Lisandro Borges

Lisandro Borges è vicino al World Padel Tour. Inutile andare oltre nelle spiegazioni, mi sembra.

Ancora una volta, stanno cercando di mettermi in mezzo. Che tristezza! Puoi lasciarmi in pace e pensare un po 'al padel?

Vorrei solo ricordare che l'unico presidente della Federazione Padel argentina è Oscar Nicastro.

In Argentina, abbiamo firmato con l'AJPP (Associación de Jugadores Profesionales de Padel) presieduto da Mariano Lasaigues (il nuovo direttore generale dell'APT) e con l'APA (Associación de Padel Argentina).

Inoltre, è l'APA che è riconosciuto dall'International Padel Federation fino a prova contraria.

Quindi tutto bene con l'Argentina.

  • Finiamo con il Maestro di Acalpulco, il test si giocherà durante il giorno?

Per Acapulco siamo in stretto contatto con il Gruppo Pegaso, che è l'organizzatore di Acapulco APT 500. Il torneo di tennis che si gioca di sera, giocheremo tra le 9:00 e le 18:00 le partite di paddle.

Leggi la prima parte dell'intervista QUI

Franck Binisti

Franck Binisti scopre il padel al Pyramid Club di 2009 nella regione di Parigi. Da allora il padel fa parte della sua vita. Lo vedi spesso in tournée in Francia andando a coprire i grandi eventi di paddle francesi.