Cari amici, ci incontriamo ancora una volta per a tutorial padel dedicata questa settimana al tiro al volo di rovescio. Un colpo molto importante che può fare molti danni.

Prendere la rete nel padel significa ottenere il vantaggio sugli avversari. Questo non significa che vinceremo automaticamente il punto ma ci troviamo in una posizione d'attacco, molto più piacevole di quando siamo in fondo alla pista.

Prima di tutto, capisci che un punto nel padel si costruisce, senza fretta, cercando di muovere i nostri avversari in modo da creare un divario, per mettere finalmente velocità e uscire vittoriosi.

Con le raffiche è possibile dare più o meno velocità, semplicemente agendo sui passi. Posizionare i piedi a terra al momento dell'impatto fornirà un controllo maggiore rispetto a quando il piede della gamba dominante è sospeso.

Il movimento delle braccia

L'obiettivo è prepararsi bene in modo che il tiro sia eseguito correttamente. La mano non dominante sul ponte del pala per “tirare” la racchetta all'indietro, alzeremo il gomito del braccio non dominante e appoggeremo la testa del pala contro questo braccio, così il pala sarà in posizione diritta. . Una volta che vuoi attivare lo strike, la mano non dominante rilascia il pala. L'impatto con la palla viene reso piatto, più o meno davanti a noi a seconda della zona desiderata, e la fine del gesto sarà con il setaccio verso il cielo come un vassoio su cui vorremmo appoggiare i bicchieri. Sarebbe meglio finire sopra il livello della rete.

Precisione: per evitare infortuni e soprattutto per rendere il più efficiente possibile il tuo tiro al volo, ricordati di tenere sempre la punta della paletta sopra il livello del polso.

La raffica di rovescio

  • Passaggio 1: ripresa del supporto

Il recupero del carico aerodinamico viene sempre effettuato al momento dell'impatto con la palla dei nostri avversari. È lo stesso con tutti i colpi. Ciò consente di avere il miglior tempo di reazione per un migliore processo decisionale.

  • Passaggio 2: il primo passaggio

Fatto con il piede della gamba dominante, questo primo passo può essere grande o piccolo, l'importante è che sia fatto. Prendere questo appoggio permette di andare avanti e soprattutto di dedicare tempo ad analizzare la traiettoria della palla per realizzare il tiro al volo di rovescio più adatto alla situazione e alla posizione degli avversari.

  • Passaggio 3: sospensione

Perché rimanere supportati su questa gamba dominante? Semplicemente per evitare di fare sempre lo stesso tipo di tiro al volo e di lavorare solo con il braccio. Sappi che con lo stesso lavoro sulle braccia puoi declinare 3 tipi di volée, semplicemente modificando il lavoro sulle gambe. Aspettare un tempo più o meno lungo sulla gamba dominante ti farà "scoprire" tutti questi tipi di volée.

  • Passaggio 4: digitazione

Quindi, una volta effettuata la scelta del tiro al volo, controllo, potenza o 50/50, rilasci il colpo. Ricorda che il tiro al volo deve essere prima di tutto preciso. Se la scelta è buona a seconda dell'altezza e della velocità della palla dei tuoi avversari, dovrebbe andare tutto bene.

  • Passaggio 5: la fine del gesto

Questo a volte è il problema che hanno alcuni giocatori, riprendere la posizione di attesa troppo velocemente. Accetta il colpo che hai appena fatto. Dopo l'impatto con la palla, resta ancora un po 'in questa posizione e vedrai che il tuo tiro al volo sarà più “graffiante”.

Niente più pettegolezzi e posto per le immagini. È il tuo turno.

 

Julien Bondia

Julien Bondia è un insegnante di padel a Tenerife. È il fondatore di AvantagePadel.net, un software molto popolare tra club e giocatori di padel. Editorialista e consulente, ti aiuta a giocare meglio attraverso i suoi numerosi tutorial padel.